direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Riunioni consolari d’area, Vignali (Dgit): “Condividere le buone prassi per ottimizzare i servizi resi ai connazionali”

ITALIANI ALL’ESTERO

Al margine della presentazione a Vienna della carta d’identità elettronica per gli italiani all’estero

 

Nella prossima riunione a Montréal si parlerà di promozione integrata del Sistema Paese e di turismo delle radici

 

VIENNA – La prima riunione consolare  d’area, si è tenuta il 19 e il 20 settembre a Vienna. Si tratta di riunioni periodiche finalizzate a coinvolgere i consoli su tematiche specifiche: un’iniziativa fortemente voluta dalla Direzione Gerenale per gli Italiani all’Estero del Maeci. In questo ambito si è parlato anche della sperimentazione della carta d’identità elettronica (CIE) nelle tre circoscrizioni consolari di Vienna, Atene e Nizza.

A margine della presentazione della CIE, presso l’Ambasciata di Vienna, il Direttore Generale del Maeci per gli Italiani all’Estero Luigi Maria Vignali  ha parlato delle necessità espresse nel corso della riunione dai consoli per poter ottimizzare il proprio lavoro. “Occorre sicuramente un forte impulso all’innovazione, in termini di tecnologia e di semplificazione delle pratiche per i cittadini all’estero ma anche un’attenzione costante alla cosiddetta customer care: quest’ultima è lo strumento per rendere prestazioni e servizi all’utenza sempre più accoglienti”, ha spiegato Vignali sottolineando tuttavia come sia necessario avere risorse adeguate per consentire alla rete consolare di lavorare sempre al meglio delle proprie potenzialità.

“Nonostante la rete consolare sia sotto organico è stato comunque registrato per esempio un aumento di produttività del 25% soltanto per quanto riguarda i passaporti. Per il resto, rimane in assoluto molto importante lo scambio reciproco delle informazioni relative alle buone prassi, ossia all’automazione dei servizi consolari e alle modalità per fare comunicazione, usando per esempio i social network e condividendo quello che viene realizzato per un feedback migliore con l’utenza”, ha aggiunto il Direttore Generale analizzando poi in breve gli effetti prodotti dalla nuova mobilità italiana all’estero. “In alcuni Paesi, come Germania, Francia e Regno Unito, la nuova mobilità sta ringiovanendo le collettività italiane cambiandone addirittura fisionomia”, ha precisato Vignali spiegando infine ciò che verrà discusso a Montréal (3-4 ottobre) nel corso della prossima riunione consolare d’area. “Questa sarà l’occasione per la presentazione di una promozione integrata del Sistema Paese e di un focus sul turismo delle radici. In Paesi come Stati Uniti, Canada, Australia e Nuova Zelanda vi sono collettività italiane ben integrate e con disponibilità finanziarie per viaggiare nel nostro Paese; faremo quindi dei panel specificamente dedicati al tema del turismo delle radici, trattando in particolare tre regioni italiane: Lucchesìa, Dolomiti e Friuli Venezia Giulia, che presenteranno così le loro eccellenze. (Simone Sperduto/Inform)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform