direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Prosegue in Commissione Affari Esteri l’esame dei disegni di legge riguardanti la cooperazione allo sviluppo

SENATO DELLA REPUBBLICA

Il vice ministro agli Esteri Lapo Pistelli e il presidente della Commissione Pier Ferdinando Casini invitano a concentrare emendamenti ed interventi sui temi di maggiore rilevanza politica. Parare non ostativo con alcuni rilievi sul ddl assunto come testo base da parte della Commissione Affari Costituzionali

ROMA – Prosegue alla Commissione Affari Esteri del Senato l’esame congiunto dei disegni di legge riguardanti la cooperazione allo sviluppo (vedi anche http://comunicazioneinform.it/in-commissione-affari-esteri-prosegue-lesame-dei-disegni-di-legge-sulla-cooperazione-allo-sviluppo/).

In riferimento ai numerosi emendamenti presentati al ddl governativo, assunto come testo base, illustra il contenuto di quelli a sua prima firma Peppe De Cristofaro (Sel), segnalando come essi riproducano i temi principali del disegno di legge da lui stesso presentato sulla materia. De Cristofaro in particolare, pur mostrando di condividere la necessità di una riforma della normativa sulla cooperazione, esprime perplessità sull’impianto del testo del Governo, che a suo avviso appare “già obsoleto e non in linea con le più recenti prospettive del diritto internazionale”. Tra le riserve espresse, quella relativa ad una visione che l’esponente di Sel definisce “eccessivamente assistenzialistica” e pregiudicata anche dalla “subalternità introdotta tra la cooperazione allo sviluppo e la politica estera e commerciale”. Preoccupazione viene rappresentata anche per “la scarsa autonomia di cui godrebbe l’Agenzia per la cooperazione, nonché per la mancata istituzione di un Fondo unico entro cui convogliare tutte le risorse del settore” (critiche richiamate anche ieri dal deputato di Sel Giulio Marcon nell’ambito di un convegno sul tema, vedi http://comunicazioneinform.it/oggi-il-seminario-volontariato-e-cooperazione-per-litalia-nel-mondo/).

Di seguito interviene il vice ministro agli Esteri Lapo Pistelli, che auspica una rapida approvazione della riforma, “anche per il notevole lavoro svolto nelle passate legislature e il costante collegamento con il dibattito che, sul tema, si svolge tra gli operatori del settore”. Pistelli annuncia la disponibilità del Governo ad un confronto in merito ad alcuni temi su cui si sono concentrati molti degli emendamenti presentati, tra cui l’obbligatorietà dell’individuazione di un componente del Governo responsabile per la cooperazione, l’autonomia dell’Agenzia, il richiamo ai principi internazionali e la trasparenza e leggibilità delle risorse finanziarie. “L’intento della riforma è essenzialmente quello di adeguare gli strumenti di intervento – afferma il vice ministro, auspicando che l’esame parlamentare non appesantisca eccessivamente il testo con disposizioni di dettaglio, da collocare più utilmente nella normativa secondaria.

Proprio in questo senso il presidente della Commissione, Pier Ferdinando Casini, formula l’invito ad una “una significativa riduzione degli emendamenti presentati, così da garantire una discussione approfondita sui temi di maggiore rilevanza politica”, e rinvia l’esame ad altra seduta.

Sul testo base della riforma ha intanto espresso parere non ostativo la Commissione Affari Costituzionali, per le materie di sua competenza. Parere in cui si rileva però come “l’istituzione di diversi organismi, cui sono attribuite competenze molteplici in materia di cooperazione allo sviluppo, sia suscettibile di determinare una sovrapposizione – e, per certi aspetti, una dispersione – di funzioni e di ruoli, che sembra non garantire organicità ed efficacia alla struttura complessiva”. Segnalata inoltre l’opportunità di una preventiva valutazione da parte del Ministero competente del codice etico di cui dovrà dotarsi l’Agenzia italiana per la cooperazione allo sviluppo. La Commissione Affari Costituzionali ha fatto inoltre pervenire alla Commissione Affari Esteri il parere sugli emendamenti presentati al ddl. (Inform)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform