direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Incontro dei presidenti e dei segretari generali dei Consigli economici e sociali dei Paesi Ue e del Cese

SINDACATI

Al margine dell’incontro  dei presidenti e dei segretari generali dei Consigli economici e sociali dei Paesi Ue e del Cese

Landini (Cgil): “Bisogna rimettere al centro le politiche sul lavoro e rilanciare un piano industriale per creare occupazione stabile e non precaria”

Barbagallo (Uil): “Se non ci sarà un cambio di rotta nel mondo del lavoro, continueremo a vedere tanti giovani andare via dal nostro Paese”

ROMA – A margine dell’incontro annuale dei presidenti e dei segretari generali dei Consigli economici e sociali dei Paesi Ue e del Cese,  a Roma presso la sede del Cnel, hanno espresso il proprio punto di vista, in merito a sviluppo sostenibile e politiche del lavoro, anche i due esponenti sindacali Maurizio Landini e Carmelo Barbagallo, Segretari generali rispettivamente di Cgil e Uil. “Bisogna rimettere al centro le politiche sul lavoro e rilanciare un piano industriale per creare occupazione stabile e non precaria; ma occorre anche focalizzarsi sulla sicurezza nei luoghi di lavoro e sulla salute dei lavoratori: dunque dobbiamo arrivare a un’occupazione di qualità, senza dimenticare la questione dell’aumento dei salari e del rinnovo dei contratti nazionali”, ha commentato Landini (Cgil). “Chiediamo un piano straordinario d’investimenti pubblici e una vera riforma fiscale: dunque un investimento sullo stato sociale nel suo insieme. Nella riunione al Cnel – ha aggiunto Landini – è emersa la necessità di cambiamento e di sviluppo in chiave europea, se si vogliono affrontare davvero le questioni del lavoro e dell’abbattimento delle disuguaglianze sociali”.

Anche Barbagallo (Uil) ha parlato di necessità di occupazione e di ripresa delle attività produttive. “Bisogna fare investimenti sia pubblici che privati, riqualificare la pubblica amministrazione e affrontare temi come innovazione, ricerca e tecnologia in maniera organica. E’ importante una riunione come quella odierna al Cnel – ha aggiunto Barbagallo – non soltanto come luogo in cui discutere ma soprattutto per capire quali prospettive avere in Europa. Il 22 giugno a Reggio Calabria rilanceremo la questione del Mezzogiorno, che sarà una tappa importante: bisogna puntare al rinnovo dei contratti e ad una riforma fiscale. Se non ci sarà un cambio di rotta nel mondo del lavoro, continueremo a vedere tanti giovani andare via dal nostro Paese”, ha aggiunto  Barbagallo ricordando la mobilitazione nazionale indetta dai tre sindacati Cgil, Cisl e Uil. (Simone Sperduto/Inform)

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail
Powered by WordPress | Designed by Elegant Themes