direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

A Palermo l’incontro “Ambasciatori del patrimonio italiano nel mondo”

CGIE

Nell’ambito del Seminario sui Giovani Italiani nel Mondo

 

PALERMO – Nell’ambito del Seminario del Cgie sui Giovani Italiani nel Mondo si è svolto a Palermo , presso la Galleria d’Arte Moderna, l’incontro “Ambasciatori del patrimonio italiano nel mondo” alla presenza di Francesco Bertolino, Presidente della Commissione Cultura del Comune di Palermo, Luigi Scaglione, Coordinatore del Centro Lucani nel Mondo – Regione Basilicata, Marina Gabrieli, fondatrice dell’Associazione Raiz Italiana, Giuseppe Sommario, fondatore del Piccolo Festival delle Spartenze, Giovanni De Vita, Capo Ufficio I della Dgit; dibattito moderato da Silvia Alciati, Vicepresidente della Commissione VII del Cgie.

“Questa è una delle tavole rotonde più ricercate del seminario ed è un momento importante per la formazione dei ragazzi, ma anche per noi ”, ha commentato Alciati. Bertolino ha quindi parlato ai ragazzi della bellezza del patrimonio storico e artistico di Palermo ma anche di attualità e di questioni migratorie. “Non potevo che essere presente in questa tavola, in quanto restauratore di professione e presidente di una commissione cultura, quindi mi trovo nel mio ambiente naturale. Voglio condividere con voi un’idea maturata con la candidatura di Palermo Capitale della Cultura, trasformatasi nella convinzione del forte ruolo giocato dall’arte. L’arte rinnova i popoli e ne rivela la vita. Questa città ha un vissuto millenario e dovremmo fare esperienze e tesoro di ciò che abbiamo alle spalle. La storia ci ha consegnato questo straordinario patrimonio artistico. Palermo non racconta solo un periodo racchiuso in pochi secoli; essa racconta la storia dell’uomo. Viviamo in un momento in cui il diverso e l’immigrato viene visto come un problema, non si considera l’altro come una risorsa. Vi invito ad essere italiani a tempo pieno ed a raccontare questo nostro patrimonio”, ha affermato Bertolino.

Scaglione ha voluto ripartire dall’esperienza vissuta a Matera nel 2018, puntando l’attenzione sull’importanza del ruolo delle consulte regionali, delle associazioni e del Cgie. “Mettere insieme le esperienze di Matera e Palermo ci fa capire la bellezza del nostro Paese. Anche a Palermo abbiamo dato l’esempio che quando c’è la passione per questi temi e c’è unità d’intenti tra le istituzioni, il risultato  si ottiene. Entrate nei Comites e nelle associazioni e diventate protagonisti, come abbiamo fatto noi”, è stato l’invito rivolto da Scaglione ai giovani ricordando che “chi solca i mari muta i cieli ma non l’anima”. E’ quindi intervenuto De Vita per il Maeci ringraziando il Comune di Palermo, per l’ospitalità, e la Commissione VII Cgie per aver creduto in questa iniziativa. “E’ un’iniziativa che ha un grande valore strategico per il nostro Sistema Paese. Ringrazio anche i Comites che hanno preparato i seminari anticipatori di questo evento agendo come collante per i nostri giovani. Invito i ragazzi alla partecipazione alla vita associativa, inventando anche voi stessi nuove forme associative. La Sicilia ha mantenuto un forte legame con coloro che hanno lasciato questa magnifica terra. Ricordo in generale che in giro per il mondo abbiamo una cifra che oscilla tra 60-80 milioni di oriundi italiani, verso i quali abbiamo un interesse: quello di creare o rafforzare un legame strategico. Vorrei sottolineare anche l’opportunità offerta dal turismo di ritorno: a tal proposito, stiamo organizzando il 29 maggio al Maeci un confronto su un progetto pilota e sulle best practices da attuare proprio sul turismo di ritorno”, ha affermato De Vita.

Marina Gabrieli ha espresso gioia per poter condividere questa esperienza con tanti giovani che vivono all’estero. “Un’esperienza che mi ha cambiato la vita è stata quella in Argentina dove ho conosciuto la comunità italiana; da questa esperienza ho capito l’importanza del viaggio delle radici e della ricostruzione delle origini familiari. Ho condotto un dottorato di ricerca all’Università di Tor Vergata incentrata proprio sulla discendenza degli italo-argentini e sulla volontà di tornare in Italia. Raiz Italiana si occupa infatti di viaggio delle radici e finora ha consentito a molti pugliesi di visitare la terra d’origine. A ciò abbiniamo seminari di lingua e cultura italiana. Abbiamo iniziato con famiglie e piccoli gruppi ma stiamo aprendo anche a viaggi per associazioni. Collaboriamo a stretto contatto con Maeci e la Direzione Generale per gli Italiani all’Estero; chiediamo però una maggiore sensibilità, alla base, da parte delle istituzioni italiane comunali e del mondo dell’associazionismo”, ha spiegato Gabrieli. Ha chiuso il dibattito Giuseppe Sommario. “Ringrazio il Comune di Palermo e il Cgie. Le storie che ho incontrato degli italiani all’estero per me sono diventate una dipendenza, quasi una malattia: questo per farvi capire quanta emozione susciti in me ascoltare le vostre storie. Per questo ho pensato il Festival delle Spartenze, dedicato proprie alle migrazioni, che si svolge in Calabria. Ricordo una donna conosciuta a Buenos Aires che ha compiuto settant’anni di permanenza in Argentina: quello che mi ha più colpito è stata la richiesta della donna, al momento di salutarci, di non dimenticarci di chi è partito”, ha commentato Sommario spiegando l’origine del nome del suo festival. “Il termine ‘spartenza’ che ho utilizzato per il festival è un mix tra il termine ‘partenza’ e il verbo ‘spartire’, ma nel significato più profondo di condivisione. Abbiamo raccontato le storie di chi ha visto, nel corso delle prime ondate migratorie, partire parenti che non sono più ritornati; poi abbiamo pensato alle seconde e terze generazioni e alle nuove migrazioni. Vorrei ricordare anche il Calabria Campus, il raduno dei ricercatori calabresi nel mondo che per dieci giorni raccoglie giovani italiani e oriundi: ripeteremo l’esperienza anche quest’anno, per la seconda edizione. L’idea è infine quella di aprire una sezione dedicata alla lingua e ai dialetti”, ha spiegato Sommario. (Simone Sperduto/Inform)

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail
Powered by WordPress | Designed by Elegant Themes