direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

L’intervento del Presidente della Commissione Esteri del Senato Vito Rosario Petrocelli

CGIE

“Riforma del voto all’estero e della cittadinanza, interventi urgenti nell’agenda politica”

ROMA – Nel corso della prima sessione dell’Assemblea Plenaria del Cgie è intervenuto anche il senatore Vito Rosario Petrocelli, Presidente della Commissione Affari Esteri che si è soffermato sull’incontro avuto proprio i rappresentanti del Cgie in Senato il 2 luglio. Il suo intervento ha riguardato la riforma del voto estero e le questioni sulla cittadinanza: entrambe “urgenti nell’agenda politica” come definite dallo stesso Petrocelli. “Un anno fa è stato presentato un progetto di riforma del voto estero: un impegno che avevamo preso come maggioranza e mantenuto. Il testo è stato depositato in tempi rapidi e affidato alla Commissione Affari costituzionali: l’iter si basa sul confronto perché è possibile emendarlo e raggiungere così le soluzioni condivise con i suggerimenti anche del Cgie e della galassia delle associazioni e dei comitati in rappresentanza dei singoli cittadini italiani sparsi nel mondo”, ha affermato Petrocelli. “Vogliamo inoltre il massimo rigore nelle consultazioni elettorali, per evitare eventuali brogli che non fanno bene all’immagine dell’Italia nel mondo. Ma il Parlamento si occuperà subito – ha aggiunto Petrocelli – anche della legge sulla cittadinanza: dobbiamo equiparare la nostra normativa a quella di quasi tutti i Paesi dell’Unione europea. Riguardo il superamento del test di cittadinanza, penso sia necessario un esame di conoscenza della lingua ma anche un’altra prova sulla conoscenza dell’ordinamento istituzionale e della cultura civica. Dovremo inoltre verificare la persistenza dei legami con l’Italia. Sono consapevole che questa legislatura, su queste riforme, possa dare le risposte giuste con interventi organici. Gli eletti all’estero saranno convocati in ogni momento dell’indagine conoscitiva. (Simone Sperduto/Inform)

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail
Powered by WordPress | Designed by Elegant Themes