* INFORM *

INFORM - N. 207 - 16 ottobre 2004
Vicenda Buttiglione/Tremaglia

Ci scrive Salvatore Albelice (Azzurri nel Mondo Belgio)

Caro direttore,

le faccio notare che per ben due volte, dalla Delegazione Azzurri nel Mondo Belgio, è stato inviato un e-mail a sostegno del Ministro Tremaglia all'agenzia Inform dal titolo "Dove sono i cattolici ambigui, i Prodi, i Rutelli, i Castagnetti, i Mastella" ma non è stato ancora pubblicato. Pure un altro mio intervento di alcuni giorni addietro non è stato pubblicato, quest'ultimo dal titolo "La Francia e la politica del non si sa mai". (Salvatore Albelice, responsabile Azzurri nel Mondo Belgio)

Caro Albelice,

quando, in Inform n. 205, ho espresso meraviglia per il fatto che "nessuno, proprio nessuno, nell’era della comunicazione telematica", ci avesse ancora trasmesso qualche messaggio d’incoraggiamento nei confronti di Tremaglia, non ho pensato al suo precedente e-mail. Anche adesso, rileggendolo, ho qualche perplessità che si tratti di "sostegno al Ministro Tremaglia". Comunque l’accontento.

Riguardo l’altro suo intervento, mi spiace dirle che non tutti gli articoli che riceviamo possono essere pubblicati. Per tanti motivi, anche di spazio disponibile: sappia che quello che compare su Inform viene pubblicato, ahimè, anche su carta. (gc)

"Dove sono i cattolici ambigui, i Prodi, i Rutelli, i Castagnetti, i Mastella"?

La notizia del voto negativo della Commissione Giustizia, libertà pubbliche, e sicurezza (libe), per il Commissario Rocco Buttiglione, è normale, mentre mi sorprende lo stupore espresso da parte di esponenti politici sul no della commissione, dopo la dichiarazione di Buttiglione a proposito dell’omosessualità . Qualche settimana fa, in Svezia ,un prete è stato arrestato e messo in prigione, semplicemente perché si era permesso di criticare i matrimoni omosessuali. In Belgio c'è già il diritto al matrimonio omosessuale, attualmente il parlamento prende in considerazione l'opportunità o meno , di poter concedere loro l'adozione di bambini, pare che sia questione di qualche mese per giungere all'approvazione. Già da due anni circa, nei corsi di educazione sessuale, sia nelle Fiandre che in Vallonia, viene spiegato ai ragazzi , nelle scuole, che la sessualità è qualcosa di strettamente privato, per cui essere omosessuale è normale. Da ciò si può arguire che è in corso la promozione all’omosessualità. Una delle lobby che fa più pressione in seno al parlamento europeo e non solo, ma anche in molte capitali europee, vedi Madrid con Zapatero, è quella diretta dal presidente del partito socialista belga Elio di Rupo omosessuale notorio. In Belgio, si rischia di perdere il posto di lavoro se ci si esprime contro la promozione dell’omosessualità.

In Italia, se il centro-sinistra vincerà le elezioni del 2006, una delle priorità sarà l'approvazione della legge sui matrimoni omosessuali e l'adozione. Oggi il cittadino europeo perfetto, per la sinistra moderata (moderata?), verdi e comunisti, è colui che dice sempre di sì, tutto il resto è provocazione. Il terrorismo intellettuale lo si applica di già in Belgio, paese che è il laboratorio di ciò che ci attende nei prossimi anni in Europa; a meno che non si abbia il coraggio dire quello che si pensa. Dal dopoguerra, mai come questo momento la democrazia era caduta tanto in basso. Ma come si può con la forza della legge costringere delle persone a cambiare il concetto di società, come si può permettere a questa sinistra europea degenerata, di distruggere quel pilastro che è la famiglia che per secoli ha retto la nostra società. La società non può essere fondata sull’unione di due persone che non sanno procreare e trasmettere quei valori che sono stati la base della nostra società.

Oggi i fatti provano che sono i cattolici che subiscono delle discriminazioni, e se Buttiglione fosse mussulmano cosa avrebbe risposto alla commissione? Dove sono tutte quelle associazioni cattoliche tipo Acli. Dove sono quei cattolici ambigui come Prodi, Rutelli, Castagnetti, Mastella, pure loro dovevano schierarsi subito dalla parte di Buttiglione, invece no, sono talmente impegnati all’opposizione di piazza perché quella parlamentare non sono capaci di farla, come quella sulla finanziaria che si svolgerà il 6-11-2004.Ma la festa non finisce lì, perché questi signori sperano, fra l'altro, di festeggiare contemporaneamente pure la sconfitta di Bush. Vergogna vergogna vergogna!! (Salvatore Albelice, responsabile "Azzurri nel Mondo" Belgio) albelices@hotmail.com

Inform


Vai a: