direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

A Mentone (Francia) la Biennale di Arte Contemporanea Sacra (BACS)

MOSTRE

Per celebrare la X Edizione del Festival internazionale del Film Cattolico

 

MENTONE – Organizzata per celebrare la X Edizione del Festival internazionale del Film Cattolico (previsto in Vaticano dal 25 al 28 novembre), si sta tenendo in questo mese a Mentone – località balneare francese tra le più note della Costa Azzurra – la Biennale di Arte Contemporanea Sacra (BACS): la mostra, che sta riscuotendo successo di pubblico e critica, sarà in corso fino al 31 ottobre. Tra le novità in programma, tre premi in denaro che saranno devoluti agli autori delle prime tre opere esposte alla BACS e selezionate dagli internauti.

Aperta ufficialmente il 1 ottobre, BACS è ospitata all’interno del Grand Hotel des Ambassadeurs ed accoglie ben 214 opere di altrettanti artisti provenienti da tutto il mondo selezionate ispirandosi al tema “Ode alla vita”, scelto dalla presidente della Biennale, Liana Marabini, cineasta e mecenate nonché presidente dei Mecenati dei Musei Vaticani nel Principato di Monaco. “La vita è un dono di Dio, il più bello di tutti. La vita occupa tutta la nostra esistenza, mentre la morte è solo un istante, quello finale. Dobbiamo perciò omaggiare la vita in tutti i modi e l’arte è il modo più bello di ringraziare il Signore”, spiega Marabini. BACS è un originale contenitore che prevede anche eventi, tavole rotonde e concerti, aperti gratuitamente al pubblico; permette quindi di ritrovare, in un unico luogo, non solo opere d’arte, tele, dipinti, litografie, serigrafie, sculture ma anche fotografie, nonché libri ed oggetti sia sacri che di design contemporaneo, molti dei quali provenienti da collezioni private. Sono a disposizione dei visitatori tutti i giorni, dalle 9 alle 19, ben 13 spazi espositivi che occupano, oltre ai 4 piani della struttura alberghiera, anche la biblioteca, i 3 foyer, le pareti del salone principale e la Veranda, le Sale Cocteau e la Salle Vermeer, e perfino l’interno della Cappella privata, dove spiccano opere sacre di particolare bellezza.

BACS offre a tutti la possibilità di vedere da vicino alcuni capolavori di grandi maestri tra i quali si ricordano: Basquiat, Kounillis, Chagall, Rauschenberg, Cocteau, Dalì, Calder, Haring. Apprezzabili anche opere pittoriche e sculture firmate da Banksy, Damien Hirst, Joe Tilson, Enrico Baj, Brian Finch, Yayoi Kusama. Di gran valore, inoltre, le selezionate opere realizzate da artisti italiani: fra esse quelle dei pittori, purtroppo scomparsi, come Lucio Fontana, Enrico Baj, Emilio Scanavino, Vasco Bendini e del grafico pubblicitario Concetto Pozzati. Di grande effetto, in particolare, il collage su specchio firmato dal grande Michelangelo Pistoletto. Fra le altre, molto apprezzata  è risultata la scultura in bronzo patinato di Algarco, nome d’arte del giovane artista Alessandro Garotti; le foto di Luigi Gattinara, Presidente della Triennale della fotografia italiana; e l’opera realizzata con tecniche miste da Massimo Catalani, titolata “Come la porpora”, peraltro riprodotta sulle locandine pubblicitarie della Biennale mentonese.

Il Comitato scientifico di BACS è composto da personaggi noti come: Daniel Boéri (esperto d’arte e Presidente della Commissione della Cultura e del Patrimonio del Consiglio Nazionale di Monaco), Maria Lorena Franchi (esperta d’arte), Mons. Renè Giuliano (Vicario generale onorario della Diocesi del Principato di Monaco), Giorgio Grasso (Storico e critico d’arte, organizzatore della Biennale di Venezia), Michel Imbert (storico dell’arte), Prof. Elisabeth Lev (Storica dell’arte e scrittrice), Principessa Maria Pia Ruspoli (Collezionista d’arte), Sara Lucci (Architetto), Luc Lanlo (Mecenate, operatore culturale), Laura Marsotto (Collezionista d’arte e mecenate) e Mar Morosse (Professore di storia dell’arte all’Università di New York). Il Comitato d’onore della Biennale, invece, presieduto dal Card. Gianfranco Ravasi (Presidente del Pontificio Consiglio della Cultura), è composto da il Principe Nikolaus von Liechtenstein, lo stesso sindaco di Mentone e Presidente della CARF – Communauté de l’Agglomération de la Riviera Française) Jean-Claude Guibal, Mauro Marabini (collezionista), Jean Sévillia (scrittore e storico), Françoise Léonelli (curatrice del Museo Cocteau di Mentone). In occasione della presentazione di BACS alla stampa il 30 settembre scorso, un’opera monumentale in bronzo è stata inaugurata nel giardino del Grand Hotel des Ambassadeurs. La statua, intitolata “Notre-Dame des Innocents” – opera dell’artista olandese Daphné du Barry – è stata scelta per la copertina del catalogo realizzato da Liamar Multimedia. Tra gli illustri visitatori di BACS anche Cristiano Gallo, Ambasciatore d’Italia a Monaco, che si è recato alla mostra in forma privata e che ha espresso apprezzamento per questa esposizione innovativa che nasce da un’intuizione dei connazionali residenti a Monaco Liana e Mauro Marabini. . (Inform)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform/a> | Designed by ComunicazioneInform