direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Uccisi l’Ambasciatore d’Italia in Congo Luca Attanasio ed il Carabiniere Vittorio Iacovacci

ISTITUZIONI

In un attacco contro un convoglio della missione ONU

Cordoglio di Mattarella, Draghi e Di Maio

ROMA – Questa mattina l’Ambasciatore d’Italia nella Repubblica Democratica del Congo, Luca Attanasio, ed il Carabiniere Vittorio Iacovacci sono stati uccisi nel corso di un attacco nella zona di Goma contro un convoglio della missione delle Nazioni Unite. E’ morto anche l’autista.

In un messaggio Il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha espresso il suo sgomento. “La Repubblica Italiana è in lutto per questi servitori dello Stato che hanno perso la vita nell’adempimento dei loro doveri professionali in Repubblica Democratica del Congo. Nel deprecare questo proditorio gesto di violenza gli italiani tutti si stringono nel cordoglio intorno alle famiglie delle vittime, cui desidero – ha aggiunto Mattarella – far pervenire le condoglianze più sentite e la più grande solidarietà”.

Anche Il Presidente del Consiglio, Mario Draghi, esprime profondo cordoglio del Governo e suo per la tragica morte di Luca Attanasio, Ambasciatore d’Italia nella Repubblica Democratica del Congo e del Carabiniere Vittorio Iacovacci che lo accompagnava a bordo di un convoglio a Goma. Il Presidente del Consiglio e il Governo si stringono ai familiari, ai colleghi della Farnesina e dell’Arma dei Carabinieri. La Presidenza del Consiglio segue con la massima attenzione gli sviluppi in coordinamento con il Ministero degli Affari Esteri.

“Ho appreso con grande sgomento e immenso dolore della morte oggi del nostro Ambasciatore nella Repubblica Democratica del Congo e di un militare dell’Arma dei Carabinieri – scrive a sua volta il ministro degli Esteri Luigi Di Maio -. Due servitori dello Stato che ci sono stati strappati con violenza nell’adempimento del loro dovere. Non sono ancora chiare le circostanze di questo brutale attacco e nessuno sforzo verrà risparmiato per fare luce su quanto accaduto. Oggi lo Stato piange la perdita di due suoi figli esemplari e si stringe attorno alle loro famiglie e ai loro amici e colleghi alla Farnesina e nell’Arma dei Carabinieri”.

Luca Attanasio, 43 anni, nell’ottobre 2020 aveva ricevuto a Camerota (Salerno) il Premio Nassiriya per la Pace “per il suo impegno volto alla salvaguardia della pace tra i popoli” e “per aver contribuito alla realizzazione di importanti progetti umanitari distinguendosi per l’altruismo, la dedizione e lo spirito di servizio a sostegno delle persone in difficoltà”. Lascia la moglie Zakia Seddiki e tre figlie piccole. (Inform)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail

Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform