direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Soddisfazione della senatrice Laura Garavini (Italia Viva, ripartizione Europa) per l’approvazione dell’emendamento di Iv per il ripristino dell’esenzione dell’Imu sulla prima casa posseduta in Italia dai pensionati residenti all’estero

ELETTI CIRCOSCRIZIONE ESTERO

“L’esenzione sarà per il 50% dell’importo, un risultato importante che crea le premesse per conseguire l’abolizione dell’intera imposta”

ROMA – La senatrice eletta nella ripartizione Europa Laura Garavini (Italia Viva) segnala l’approvazione dell’emendamento presentato da Italia Viva per il ripristino dell’esenzione dell’Imu sulla prima casa posseduta in Italia da pensionati residenti all’estero, che siano titolari di pensione maturata in regime di convenzione internazionale con l’Italia.

“Per ora il costo dell’Imu che i connazionali dovranno pagare è dimezzato – spiega Garavini, sottolineando come si tratti di “un primo grande risultato, raggiunto dopo mesi di assiduo impegno personale e di confronto con esperti e con i funzionari del Ministero delle Finanze e dell’Unione Europea preposti proprio alla tassazione dei cittadini italiani e comunitari”. “Una formulazione – aggiunge – studiata nei minimi dettagli, allo scopo di introdurre un sistema che non provochi una nuova misura di infrazione ed un nuovo stop da parte dell’Unione Europea”.

“L’emendamento è stato presentato e seguito alla Camera, il ramo del Parlamento che quest‘anno ha modo di emendare la legge di Bilancio, dal collega Massimo Ungaro e da Italia Viva, a cui si è aggiunto il sostegno delle colleghe del Pd, Francesca La Marca e Angela Schirò – segnala Garavini, che esprime la sua soddisfazione e ribadisce come l’emendamento crei “le premesse per conseguire l’abolizione dell’intera imposta, speriamo quanto prima”.

“Vorrei ringraziare i tanti che hanno contribuito a questo importante successo, per niente scontato: Luciano Alban, Giuseppe Ticchio, tutte le associazioni, i patronati ed i rappresentanti degli italiani che in tempi di Covid, con tutte le difficoltà del caso, hanno raccolto oltre 2500 firme di connazionali a sostegno della petizione promossa dal Comites di Zurigo per l’abolizione dell’Imu. Inoltre i tanti Comuni che hanno deliberato, facendosi carico dell’esenzione o chiedendone il ripristino. La mia gratitudine – prosegue la Vice presidente della Commissione Esteri e vicepresidente vicaria del gruppo Italia Viva-Psi – va in modo particolare al consigliere Giuseppe Vizzi, di Cattolica Eraclea e al sindaco di Mirabella, Giovanni Ferro. Un grazie anche al ministro dell’Unione Europea, Enzo Amendola per avere superato le ultime frizioni a livello comunitario. Ma soprattutto un grazie sentito va ai vertici di Italia Viva, a Matteo Renzi, ai presidenti Teresa Bellanova e Ettore Rosato e ai nostri capigruppo, che non solo hanno sostenuto fin dal primo momento questa battaglia, ma ci aiuteranno anche a portarla avanti. Perché convinti a tutti gli effetti che gli italiani nel mondo non sono cittadini di serie B e meritano di avere gli stessi diritti dei connazionali in Italia”. (Inform)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform