direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Settimana dell’Italia in Albania,  a Tirana “Carissimo Pinocchio – Designer e grafici italiani ridisegnano il burattino più famoso del mondo”

MOSTRE

Istituto Italiano di Cultura in collaborazione con Ambasciata d’Italia e  Ice

 

TIRANA – Nell’ambito della Settimana dell’Italia in Albania l’Istituto Italiano di Cultura in collaborazione con Ambasciata d’Italia a Tirana, ICE di Tirana, Ministero dell’Economia, Cultura e l’Innovazione e il Teatro dell’Opera e Balletto presenta la mostra “Carissimo Pinocchio – Designer e grafici italiani ridisegnano il burattino più famoso del mondo”, curata da Giulio Iacchetti con progetto espositivo di Matteo Vercelloni e progetto grafico di Federica Marziale Iadevaia.

In occasione dei 140 anni dalla prima edizione del libro “Le avventure di Pinocchio – storia di un burattino” di Carlo Collodi, il libro Italiano più tradotto al mondo, ADI Design Museum ha presentato, una selezione di progetti dedicati all’icona che ha ispirato generazioni di creativi e pensatori. La mostra – che sarà inaugurata il 6 giugno, ore 18, nella Hall del Teatro dell’Opera e del Balletto di  Tirana e sarà aperta al pubblico dal 7 al 30 giugno – è introdotta da una sezione storica, a cura di Marco Belpoliti, che accoglie il visitatore con copertine, disegni e illustrazioni storiche e si conclude con una selezione di disegni originali, tratti da uno degli ultimi lavori di Andrea  Branzi (Pinocchio? ed. Libri Scheiwiller), architetto, designer, teorico e protagonista indiscusso delle avanguardie radicali recentemente scomparso, al quale la mostra è dedicata. Tra i Maestri del design italiano, Andrea Branzi ha infatti realizzato una sua personale visione del famoso racconto di Collodi, con cento disegni che raffigurano la storia del burattino più conosciuto d’Italia.

Cuore di “Carissimo Pinocchio” sono 62 nuovi progetti a opera di 31 designer e 31 grafici, appositamente realizzati per la mostra, “espressione diversa del sentire e del fare di tanti progettisti italiani: uno sguardo allargato, caleidoscopico, sorprendente, in grado di raccontare la capacità del design italiano di realizzare immagini e oggetti senza tempo, celebrando così il mito di Geppetto, il primo designer italiano”, scrive il curatore Giulio Iacchetti. I Pinocchi, concepiti grazie alla collaborazione di aziende, artigiani qualificati e in alcuni casi autoprodotti, sono ospitati in una grande giostra circolare. A questa sezione si aggiunge una raccolta di oggetti prodotti dalle più importanti aziende del Made in Italy e ispirati all’icona Pinocchio. La mostra è realizzata con il contributo di Abet Laminati. (Inform)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform