direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Preoccupa la decisione di Israele di espandere gli insediamenti nella Cisgiordania occupata

MEDITERRANEO E MEDIO ORIENTE

Dichiarazione congiunta dei portavoce dei Ministeri degli Esteri di Francia, Germania, Gran Bretagna, Italia e Spagna

ROMA – Qui di seguito la traduzione della dichiarazione congiunta dei portavoce dei Ministeri degli Esteri di Francia, Germania, Gran Bretagna, Italia e Spagna.

Siamo profondamente preoccupati dalla decisione presa dalle Autorità israeliane di procedere con la costruzione di più di 4.900 unità abitative negli insediamenti nella Cisgiordania occupata. L’espansione degli insediamenti viola il diritto internazionale e compromette ulteriormente la possibilità di raggiungere una soluzione a due Stati che assicuri una pace giusta e duratura al conflitto israelo-palestinese. È una misura controproducente anche alla luce degli sviluppi positivi relativi agli accordi di normalizzazione raggiunti tra Israele, Emirati Arabi Uniti e Bahrein. Come abbiamo sottolineato direttamente con il Governo di Israele, questo passo mina inoltre gli sforzi per ricostruire la fiducia tra le parti al fine di riprendere il dialogo. Chiediamo pertanto un arresto immediato della costruzione di insediamenti, nonché delle confische e delle demolizioni delle strutture palestinesi a Gerusalemme Est e in Cisgiordania.

Chiediamo la piena attuazione della Risoluzione n. 2334 del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite con tutte le sue disposizioni. Sottolineiamo che non riconosceremo alcuna modifica alle linee del 4 giugno 1967, anche per quanto riguarda Gerusalemme, se non concordate tra le parti. La sospensione dei piani per annettere parti dei territori palestinesi occupati deve diventare permanente. Esortiamo entrambe le parti ad astenersi da qualsiasi azione unilaterale e di riprendere un dialogo credibile nonché negoziati diretti su tutte le questioni relative allo status finale. (Inform)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform