direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

“Passioni Italiane”: concerto a Dortmund della Nuova Orchestra Scarlatti  (12 giugno)

MUSICA

 

NAPOLI –  Un programma sinfonico-vocale attraverso le melodie, le passioni, i colori del gran secolo del melodramma italiano, da Rossini a Puccini – a cui è riservato ampio omaggio in occasione del suo centenario – passando per Donizetti, Verdi, Mascagni: un itinerario movimentato ed eccitante, sul filo di suggestive risonanze quello della Nuova Orchestra Alessandro Scarlatti di Napoli in concerto con “Passioni Italiane” il 12 giugno ,alle 19.30, nella prestigiosa Konzerthaus di Dortmund, Germania. A dirigere l’Orchestra il Maestro Beatrice Venezi, già apprezzata interprete del repertorio operistico, pucciniano in particolare. Guest star d’eccezione Vittorio Grigolo, il tenore che ha intrapreso appena ventenne una brillante carriera internazionale: tra i suoi successi,  quello al Metropolitan di New York nel 2017 nel ruolo di Cavaradossi e, nel 2018, il conferimento del prestigioso premio The Opera News Awards per il suo contributo al mondo dell’opera. Il programma spazierà da rare e raffinate pagine sinfoniche dell’ ‘800 italiano al limpido idillio belcantistico di Una furtiva lagrima dall’Elisir d’amore di Donizetti (1832); dal Verdi epico-risorgimentale della Sinfonia dalla Giovanna d’Arco (1845) a quello finemente teatrale di Rigoletto (1851); dall’ipnotica sensualità del Notturno in versione orchestrale (1901) di Giuseppe Martucci, compositore di scuola napoletana, grande pioniere della rinascita strumentale italiana, al rinnovamento operistico della ‘Giovine Scuola’: ecco allora Mascagni, con l’onda di avvolgente, italianissima melodia dell’Intermezzo dall’Amico Fritz (1891). Ed ecco finalmente Giacomo Puccini, con l’emozione trascinante dell’Intermezzo della Manon Lescaut (1893), rivelazione piena del genio pucciniano, quella delicata e notturna di Che gelida manina dalla Bohème (1896) e, culmine ideale di questo percorso nel mondo del melodramma italiano, l’esplosione canora di Cavaradossi in Tosca (1900).(Inform)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform