direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Liberazione Silvia Romano, intervento del Viceministro degli Esteri a “L’Italia con Voi”. Del Re: “Orgogliosa di un’Italia sensibile a questi temi”

RAI ITALIA

ROMA – Il Viceministro degli Esteri e della Cooperazione Internazionale, Emanuela Del Re, nel suo intervento al programma  “L’Italia con Voi” di Rai Italia ha parlato della vicenda della cooperante italiana, Silvia Romano, finalmente ritornata a casa dopo 18 mesi di prigionia in seguito al rapimento in Kenya alla fine del 2018: è stato un successo della Farnesina e dei nostri Servizi di Intelligence tra cui l’Aise. “Vedendola scendere dall’aereo ho provato quello che avrebbe provato qualunque madre dopo essere stati con il fiato sospeso. E’ la dimostrazione di essere un  grande Paese aver sostenuto questa battaglia, con il sostegno di un’Italia sensibile a questi temi: tutto questo mi riempie di orgoglio”, ha commentato Del Re. “Per quanto riguarda la collaborazione tra Stati, va ricordato che l’Italia è inserita in una rete importante intrattenendo rapporti sereni e di rispetto reciproco con tutto il mondo. Siamo molto stimati e considerati un Paese affidabile. C’è poi un’Italia che ha una gioventù animata da valori quali l’altruismo – ha aggiunto Del Re – e nel senso contemporaneo di questo termine: una gioventù che vuole interpretare il senso della globalizzazione nel suo significato più alto per un mondo più equo e sostenibile. Ristabilire un equilibrio universale serve ad allontanarci da modelli sociali effimeri: proprio la recente pandemia da Covid ci ha ulteriormente fatto capire quanto siamo interconnessi”, ha evidenziato il Viceministro elogiando anche quella solidarietà che avviene entro i confini nazionali. “Chi è animato da questo spirito di andare oltre i confini nazionali aiutando popolazioni lontane ha naturalmente qualcosa in più in quanto a vocazione di stampo universale. Non si tratta più però soltanto di semplici scelte individuali perché oggi sono vere professionalità che ci rappresentano come Italia nel mondo”, ha precisato Del Re aggiungendo come sia le istituzioni che le stesse Ong debbano minimizzare al massimo i rischi per i cooperanti e per tutti coloro che a vario titolo si occupano di missioni umanitarie internazionali. “Dove esistono, occorre sempre applicare i protocolli come quelli dell’Agenzia Italiana per la Cooperazione allo Sviluppo. Consiglio a chiunque volesse intraprendere questa strada di chiedere se ci sono questi protocolli prima di lavorare sul terreno”, ha concluso Del Re. (Inform)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail

Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform