direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Lettera dei Presidenti delle Camere basse di Italia, Spagna, Francia e Germania in occasione del Giorno dell’Europa

CELEBRAZIONI

Per il presidente italiano Roberto Fico: “Trovare una strada comune per fermare la diffusione dell’epidemia e per far fronte alle conseguenze economiche e sociali che ne derivano resta un imperativo”

(foto fonte Camera)

ROMA – I Presidenti delle Camere basse di Italia, Spagna, Francia e Germania hanno sottoscritto una lettera comune in occasione del Giorno dell’Europa pubblicata sui principali quotidiani europei il 9 maggio 2020.

“Ripercorriamo le tappe di un progetto visionario che ha portato l’Europa a costruire il periodo di pace e prosperità più lungo della sua storia – ha sottolineato il presidente della Camera, Roberto Fico. – Ma soprattutto ribadiamo che da questa crisi possiamo uscire solo facendo fronte comune e lavorando in stretta collaborazione, come si fece 75 anni fa, verso un obiettivo unico: il bene di tutti i cittadini europei”.

“L’Europa si trova a vivere la più grande crisi degli ultimi decenni. E trovare una strada comune per fermare la diffusione dell’epidemia e per far fronte alle conseguenze economiche e sociali che ne derivano resta un imperativo: l’azione dei singoli Stati membri a fronte di un problema globale – aggiunge il Presidente della Camera dei deputati – è del tutto inadeguata. È dunque nell’individuare, progettare e realizzare questa risposta coesa e solidale che i paesi europei possono dimostrare il senso e la validità del percorso di cooperazione, pace, unione iniziato 75 anni fa”.

“Oggi servono spirito di iniziativa, solidarietà e una nuova dinamica che consenta all’Unione di affermarsi con i suoi punti di forza a livello globale. Nella lettera – sottolinea Fico – ci impegniamo pertanto anche garantire che a livello europeo siano mobilitate le risorse necessarie affinché tutti i Paesi membri possano intraprendere un percorso di ripresa comune. La pandemia ha fatto emergere la necessità di affrontare le lacune e le disfunzioni di una globalizzazione senza freni. E impone cambiamenti strutturali in campo politico, economico, sociale e ambientale per garantire diritti e servizi alle persone. È un’enorme sfida, ma abbiamo il dovere e la responsabilità di affrontarla senza timori. E in questo senso il ruolo dei Parlamenti, che sono i luoghi della democrazia, della rappresentanza e del confronto, sarà fondamentale”. (Inform)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform