direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

“La presenza italiana in Inghilterra e Galles”: online la seconda edizione dello Studio Statistico del Consolato Generale d’Italia a Londra

ITALIANI ALL’ESTERO

 

LONDRA – Ad un anno di distanza dall’uscita del primo volume, è stata pubblicata dal Consolato Generale d’Italia a Londra la seconda edizione dello Studio Statistico sulla presenza italiana in Inghilterra e in Galles. La pubblicazione è disponibile online nel sito della Sede consolare

e rappresenta un interessante aggiornamento sulla composizione della più grande collettività italiana presente in una singola circoscrizione consolare.

Dati alla mano, la crescita della comunità italiana nel Regno Unito negli ultimi anni è stata impetuosa. Gli iscritti AIRE in Inghilterra e Galles sono più che raddoppiati nel giro di 8 anni, passando da poco meno di 200 mila a più di 450 mila. Nella nuova pubblicazione, oltre ad essere presenti i consueti criteri statistici (età, professione, titolo di studio e provenienza), si è cercato di sottolineare i tratti distintivi di una collettività che rappresenta un unicum nel panorama mondiale in termini di antica emigrazione, nuova mobilità, ma anche nuovi concittadini che qui risiedono ma che non provengono né dall’Italia, né dal Regno Unito.

Ciò che emerge dall’analisi è che “le comunità italiane” nel Regno Unito sono più di una ed ognuna con le sue peculiarità. Appare evidente la sempre maggiore pluralità culturale dei nostri cittadini, frutto di una collettività che non solo cresce numericamente, ma muta. Si trasforma in funzione di dinamiche interne cui si aggiungono i fenomeni straordinari cui abbiamo assistito: la Brexit e la pandemia da Covid-19.

“La pubblicazione – sottolinea il Console Generale Marco Villani – ha lo scopo di analizzare le complesse dinamiche demografiche in Inghilterra e Galles, le quali sottolineano la sempre maggiore multiculturalità e il livello di integrazione dei nostri connazionali”.(Inform)

 

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform