direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Il Presidente Fico alla presentazione della Relazione annuale dell’Autorità di regolazione dei trasporti

CAMERA DEI DEPUTATI

(foto fonte Camera)

ROMA – “Con la presentazione alla Camera della relazione dell’Autorità di regolazione dei trasporti abbiamo la possibilità di fare il punto su uno dei settori cruciali per il nostro Paese, strettamente legato all’effettiva fruizione dei diritti e delle libertà costituzionali, a partire da quella di circolazione, e al funzionamento del sistema produttivo e delle attività economiche”, ha detto il Presidente Roberto Fico.

Secondo Fico, dalla Relazione emergono due profili che si impongono all’attenzione di Parlamento e Governo.

Il primo consiste nei persistenti squilibri dei rapporti concessori dei quali è parte l’amministrazione pubblica, come dimostrano vicende di attualità nel settore delle autostrade, degli aeroporti e dei servizi di trasporto pubblico locale. Squilibri rilevati, con riferimento specifico al settore delle autostrade, anche in alcune pronunce dei giudici amministrativi nonché nelle conclusioni, lo scorso mese di dicembre, di una specifica indagine della Corte dei Conti, ribadite dalla Corte stessa in una recente audizione presso la Commissione Lavori pubblici del Senato.

A questo proposito, il Presidente della Camera si è detto convinto che occorra procedere con urgenza ad un riequilibrio dei rapporti tra concedente e concessionario in esclusiva funzione dell’interesse pubblico, dando una più concreta attuazione ai principi della concorrenza, della tutela dei consumatori e dell’efficienza gestionale.

Il secondo profilo che risalta dalla lettura del Rapporto è lo sviluppo di un elevato contenzioso innanzi al giudice amministrativo in merito ad alcune decisioni dell’Autorità. S’impone pertanto una riflessione approfondita da parte del Legislatore sull’opportunità di rendere più chiare e meno suscettibili di interpretazioni divergenti le norme relative alle competenze dell’Autorità dei trasporti e di altre Autorità indipendenti.

Occorre più in generale evitare che la stratificazione tra le diverse fonti normative – la legislazione europea, quella statale e regionale, i provvedimenti delle autorità – possa essere fonte di incertezza e complessità non necessarie, generando contenzioso ed oneri regolamentari. (Inform)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform