direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Il 24 ottobre la presentazione del Dossier Statistico Immigrazione 2019

IMMIGRAZIONE

Anticipazioni del rapporto curato dal Centro studi Idos in partenariato con Confronti sul panorama multireligioso in Italia e sullo stato del dialogo interreligioso

 

ROMA – Tra le anticipazioni tratte dal Dossier Statistico Immigrazione 2019, realizzato dal Centro studi Idos in partenariato con Confronti e che sarà presentato il prossimo 24 ottobre alle ore 10.30 a Roma e, in contemporanea, in tutte le regioni e province autonome italiane, vi sono alcuni dati relativi al panorama multireligioso in Italia, e allo stato del dialogo interreligioso.

In particolare viene sottolineato come, contrariamente all’opinione comune, tra gli stranieri in Italia i cristiani sono la maggioranza (2.742.000, pari al 52,2% del totale) e la componente musulmana ammonta solo a un terzo del totale (1.733.000 fedeli, il 33,0%).

La numerosa presenza di romeni, da diversi anni di gran lunga la prima collettività straniera in Italia con 1,2 milioni di residenti (oltre un quinto del totale), ha rafforzato la componente dei cristiani ortodossi che, con 1 milione e mezzo di fedeli stranieri, supera, tra questi ultimi, i cattolici (meno di 1 milione). Oggi la Chiesa romena vanta oltre 200 parrocchie, si distingue per il suo impegno ecumenico e mantiene ottimi rapporti con quella romano-cattolica che, non di rado, mette a disposizione locali e chiese per il culto ortodosso.

In diminuzione la presenza evangelica (il 4,4% del totale), rallentata dal sostanziale calo dei flussi provenienti da alcuni paesi. Quanto ai musulmani, un altro fatto meno noto è che una buona parte proviene dall’Europa balcanica (principalmente albanesi, non particolarmente praticanti) e dall’Africa mediterranea (innanzitutto dal Marocco). “Quello più diffuso in Italia è un islam ‘culturale’, alimentato da un remoto richiamo della memoria religiosa del paese d’origine che si esprime soprattutto nel digiuno del mese di ramadan e nella partecipazione ad alcuni momenti comunitari – spiega Paolo Naso, politologo dell’Università Sapienza di Roma e membro del comitato scientifico del Dossier Statistico Immigrazione. “D’altra parte – prosegue Naso – una comunità così numerosa e variegata non sempre trova guide formate e preparate a rispondere alle domande di dialogo e di presenza pubblica che le istituzioni, la società italiana e le altre comunità di fede pongono all’islam italiano. Spesso, gli imam sono sostanzialmente autodidatti in materia coranica e dottrinale, mentre si fa sempre più urgente la creazione di una scuola “italiana” che formi guide spirituali qualificate e pronte a esercitare quel ruolo di ponte e di mediazione culturale che serve a costruire un islam propriamente europeo”.

“Il Dossier rileva anche un grave ritardo legislativo in materia di libertà religiosa, su cui servirebbe quanto prima una legge quadro, dal momento che il mondo così articolato e complesso delle nuove presenze religiose in Italia è regolamentato da una vetusta legislazione di epoca fascista – aggiunge Claudio Paravati, direttore del Centro studi Confronti. “È un ritardo grave che, oltre a ledere diritti fondamentali in materia di libertà religiosa, rallenta l’emersione pubblica di comunità di fede che potrebbero avere un ruolo importante sul piano delle politiche sociali, di integrazione e di contrasto al radicalismo – aggiunge Paravati. Luca Di Sciullo, presidente del Centro studi e ricerche Idos, segnala come sia necessario evitare l’uso strumentale della religione e dei suoi simboli. (Inform)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform