direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Germania, disponibile la nuova guida ai servizi consolari prodotta dall’Ambasciata d’Italia Berlino e dall’Intercomites

ITALIANI ALL’ESTERO

 

 

BERLINO – E’ disponibile la nuova guida ai servizi consolati prodotta dall’Ambasciata d’Italia e dall’Intercomites Germania: l’utile libretto online, composto da 35 pagine, è arricchito dalle prefazioni dell’Ambasciatore Armando Varricchio e del Presidente Intercomites Tommaso Conte. Nel suo scritto L’ambasciatore Varricchio delinea la capillare presenza di uffici consolari in Germania: due Consolati Generali di Prima Classe, tre Consolati Generali, due Consolati, un’Agenzia Consolare e la Cancelleria consolare di Berlino. “Il tutto conferma l’importanza che viene attribuita ai connazionali qui residenti e che rappresentano la seconda comunità italiana all’estero in ordine di grandezza. A questa capillare rete, si aggiungono uno Sportello consolare e diversi Consolati onorari”, spiega l’Ambasciatore. Conte da parte sua entra nel merito del rapporto tra cittadino e amministrazione. “Avremmo voluto un linguaggio più semplice, più diretto e formulato sotto forma di dialogo con l’utente; comprendiamo però che, trattandosi di una guida ‘sottoscritta’ da tutti i Consolati della Germania, è stato giusto e doveroso accettare uno stile e un livello di linguaggio condiviso da tutti quelli che sono gli attori dei servizi consolari”, evidenzia il Presidente dell’Intercomites.

La guida si apre con una serie di utili spiegazioni su come utilizzare al meglio il portale consolare FAST IT: passo dopo passo viene illustrata la procedura dalla registrazione all’iscrizione Aire fino al cambio indirizzo. Per le iscrizioni Aire (obbligatorie in caso di espatrio per un periodo superiore ai dodici mesi) si ricorda che in Germania il Comune non comunica al Consolato il nuovo indirizzo del connazionale che abbia effettuato la pratica di ‘Anmeldung’ ossia di residenza: il connazionale dovrà provvedere da sé alla comunicazione. In caso di rimpatrio, prima di tornare in Italia è necessario segnalare al Comune tedesco il fatto che si sta lasciando la Germania attraverso la pratica ‘Abmeldung’: tale dichiarazione può essere fatta al Comune tedesco alcuni giorni prima di partire, dichiarando la data in cui si intende lasciare il territorio tedesco. Tra i servizi dello stato civile si ricordano per esempio quelli relativi alle unioni civili (che sono state introdotte in Italia piuttosto di recente rispetto ad altri Paesi UE). Quindi ai sensi della legge Cirinnà (L.76/2016) il cittadino italiano che abbia già contratto all’estero secondo la legge locale un matrimonio o un’unione civile con persona dello stesso sesso ha l’obbligo di provvedere alla trascrizione in Italia del provvedimento straniero. Tale legge disciplina anche le convivenze di fatto: il nuovo istituto prevede che alcuni dei diritti e dei doveri normalmente derivanti dal matrimonio conseguano dalla convivenza stabile, non solo quale accertabile anagraficamente (dichiarazione anagrafica e conseguente registrazione in unica famiglia anagrafica), ma contraddistinta, rispetto alla mera coabitazione, dall’esistenza di legami affettivi di coppia. La convivenza di fatto deve essere segnalata all’ufficio consolare competente per la zona di residenza, utilizzando il modulo scaricabile dal sito web del proprio Consolato. Per quanto riguarda i documenti, i Consolati in Germania rilasciano la Carta d’identità elettronica o CIE (formato tessera plastificata) dall’ottobre 2020. La CIE può essere rilasciata dal Consolato esclusivamente ai cittadini italiani residenti nella propria circoscrizione consolare, che siano già iscritti all’AIRE del Ministero dell’Interno. La CIE è emessa dal Ministero dell’Interno e prodotta dall’Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato, che la spedisce, tramite posta raccomandata, all’indirizzo di residenza (o recapito) dichiarato dal richiedente. Se il connazionale si trovasse all’estero in una situazione di emergenza (per esempio, da turisti in transito si deve ripartire ma si è smarrito o si è stati derubati del proprio documento di identità) e non si ha modo o tempo di richiedere l’emissione di un nuovo passaporto, è possibile richiedere presso il Consolato un documento provvisorio di viaggio (ETD –Emergency Travel Document). Questo è un documento che vale per il solo viaggio di rientro in Italia o nel Paese dove si risiede stabilmente. Per chi si reca per brevi periodi in Germania è possibile circolare utilizzando la patente di guida italiana in quanto, in base alla Direttiva comunitaria 126/2006, gli Stati membri riconoscono le patenti di guida rilasciate dalle rispettive Autorità. Se stabilite la vostra residenza in Germania, è possibile convertire la patente di guida italiana, anche prima della scadenza, in una equipollente tedesca. I cittadini italiani residenti all’estero e regolarmente iscritti all’Aire possono esercitare il diritto di voto all’estero per le elezioni politiche nazionali, per i referendum e per le elezioni del Parlamento europeo. (Inform)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform