direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Festa delle libertà civili

EVENTI

Il 16-17 febbraio nelle valli valdesi de Piemonte

TORINO – Oggi 17 febbraio ricorre l’anniversario delle Lettere patenti con cui nel 1848 il re Carlo Alberto di Savoia – dopo secoli di discriminazione – concesse i diritti civili ai suoi sudditi valdesi, fino ad allora confinati in una sorta di “ghetto alpino” dove non potevano possedere beni immobili, non potevano frequentare scuole pubbliche né esercitare professioni (se non quella di notaio e di medico ma a esclusivo vantaggio dei propri correligionari); poche settimane dopo gli stessi diritti furono concessi agli ebrei.

A favore del decreto si erano battuti diversi liberali piemontesi: lo dimostra una petizione il cui primo firmatario era Roberto d’Azeglio, seguito – fra altri 600 – da Camillo Cavour e da 75 ecclesiastici cattolici.

Da allora, per i Valdesi, il 17 febbraio è un giorno di festa, segnato da attività di vario genere: un servizio religioso nei templi, concerti, incontri, spettacoli di teatro dialettale e serate comunitarie. In Val Pellice e nella vicina Val Germanasca, inoltre,la sera del 16 vengono accesi dei falò molto suggestivi e partecipati – in memoria di come, di valle in valle, si diffuse la notizia -, che da oltre 150 anni esprimono gioia e riconoscenza per la libertà ottenuta. Quest’anno, però, i falò sono stati annullati a causa del forte vento.

Per l’occasione il Museo Valdese di Torre Pellice resta aperto con orario prolungato e visita guidata compresa nel biglietto d’ingresso.

La ricorrenza è oggi festeggiata nel nostro Paese da tutti i protestanti e ha un duplice significato: celebra i diritti civili concessi a una minoranza ed è anche il ricordo di un provvedimento che aprì la via alla libertà religiosa in tutta Italia… oltre che un motivo per riflettere su tutte le libertà che nel mondo non sono ancora riconosciute. (Inform)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform