direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Dalla Commissione Esteri parere favorevole al provvedimento recante modifiche alla normativa sul personale assunto a contratto negli uffici all’estero del Maeci

SENATO DELLA REPUBBLICA

 

ROMA – La Commissione Esteri del Senato ha concluso l’esame del provvedimento che reca modifiche al titolo VI del decreto del Presidente della Repubblica n.18 del 5 gennaio 1967, in materia di personale assunto a contratto dalle rappresentanze diplomatiche, dagli uffici consolari e dagli istituti italiani di cultura, già approvato dalla Camera dei deputati, esprimendo parere favorevole in proposito alla Commissione Lavoro.

Tra le modifiche introdotte, la possibilità di estendere alle delegazioni diplomatiche speciali la possibilità di assumere personale a contratto per le proprie esigenze di servizio e previa autorizzazione dell’Amministrazione centrale, nel limite complessivo di 2.920 unità previsto del decreto in titolo, nonché impiegati temporanei, prevedendo per tali tipologie di contratti, nel caso di perdurante assenza del dipendente da essi sostituito, anche la possibilità di un solo rinnovo per un periodo non superiore a sei mesi.

Ulteriori disposizioni concernono l’effettività dell’applicazione – con riferimento ai rapporti di lavoro in oggetto – delle norme locali che abbiano carattere imperativo o che siano più favorevoli per il lavoratore rispetto a quelle poste dalla disciplina in esame e la durata della validità delle graduatorie risultanti dalle prove d’esame svolte per le assunzioni a contratto in oggetto. Sono previste inoltre modifiche alle modalità per la determinazione e la revisione delle retribuzioni annue base, le assenze dal servizio e i viaggi di servizio di tali lavoratori e gli eventuali procedimenti disciplinari a loro carico. L’ultima modifica introdotta riguarda i casi di risoluzione del contratto e il relativo preavviso.

Nel corso delle dichiarazioni di voto sulla proposta di parere favorevole formulata dal relatore Alessandro Alfieri (Pd), Stefano Lucidi (L-SP-PSd’Az) ribadisce le criticità del testo recante le modifiche sopra richiamate. Ritiene inoltre che il testo non sia stato esaminato con i dovuti approfondimenti, che avrebbero dovuto considerare anche gli aspetti legati alla possibile richiesta di cittadinanza italiana da parte degli impiegati a contratto presso le sedi diplomatiche e consolari all’estero. Annuncia quindi il suo voto contrario alla proposta di parere favorevole. Segue l’intervento di Alberto Airola (M5S) favorevole invece al testo che a suo avviso va a “sanare un vulnus legislativo foriero, da anni, di incertezze e diseguaglianze”.

Il parere favorevole è espresso considerando le novità introdotte alla disciplina vigente e apprezzando l’estensione prevista relativa all’assunzione di personale. Vengono valutate altresì favorevolmente “le disposizioni concernenti l’effettività dell’applicazione, con riferimento ai rapporti di lavoro degli impiegati assunti a contratto dalle rappresentanze diplomatiche, dagli uffici consolari, dagli istituti di cultura e dalle delegazioni diplomatiche speciali, delle norme locali che abbiano carattere imperativo o che siano più favorevoli per il lavoratore rispetto a quelle poste dalla disciplina vigente”. Si prende atto inoltre delle disposizioni relative ai parametri per la fissazione delle retribuzioni annue base per questa tipologia di impiegati, le novelle introdotte in relazione alle assenze dal servizio e ai viaggi di servizio per i medesimi impiegati a contratto, e quelle che riguardano i casi di risoluzione del contratto per gli impiegati assunti a contratto dalle rappresentanze diplomatiche, dagli uffici consolari, dagli istituti di cultura e dalle delegazioni diplomatiche speciali per violazione, colposa o dolosa, dei doveri generali di comportamento, di gravità tale da non consentire, anche per ragioni di sicurezza, la prosecuzione, neanche provvisoria, del rapporto di lavoro. Il parere favorevole viene approvato dalla Commissione. (Inform)

 

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform