direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Corsi di italiano a Montréal: il Governo risponde all’interrogazione a risposta immediata di Fucsia Nissoli (Fi)

CAMERA DEI DEPUTATI

In Commissione Esteri l’intervento del sottosegretario Di Stefano 

ROMA –Il sottosegretario agli Esteri Manlio  Di Stefano, ha risposto a nome del Governo in III Commissione all’interrogazione a risposta immediata della deputata Fucsia Nissoli (Fi)  sui corsi di lingua italiana a Montréal gestiti dal PICAI.

Nell’illustrare l’interrogazione, la deputata eletta nella circoscrizione Estero –ripartizione Nord e Centro America ha detto che l’interruzione dei corsi di lingua italiana a Montréal, da parte del PICAI, sta creando disagio tra le famiglie dei ragazzi che frequentano i corsi che, tra l’altro, hanno pagato la quota di iscrizione per l’intero anno. Nissoli, pertanto, ha chiesto al Governo “di intervenire per risolvere questa situazione che danneggia sia i ragazzi che l’immagine dell’Italia in Canada”.

Il sottosegretario Di Stefano, nel rispondere all’on. Nissoli, ha ricordato che la “Farnesina annette particolare importanza alle attività in Nord America e in Canada, tra cui l’area del Québec” indicando anche i contributi versati agli altri due enti gestori presenti a Montréal mentre per il PICAI ha fatto rilevare l’interruzione dell’erogazione del contributo . In proposito il sottosegretario ha detto che “la gestione economica e finanziaria da parte del PICAI si è rilevata di più difficile decifrazione. L’Ente gestore aveva beneficiato di fondi a valere sul Capitolo 3153 fino all’esercizio finanziario 2013. Successivamente, in base al parere della competente Ambasciata, le erogazioni sono state interrotte. Dal 2017 si è voluto riporre nuovamente fiducia nell’ente in questione, anche sulla base delle valutazioni favorevoli del Consolato Generale a Montreal e dell’Ambasciata a Ottawa, ristabilendo l’erogazione di un contributo”.  A seguire però il Consolato Generale ha avviato contatti con l’Ente gestore per verifiche sui movimenti finanziari. Da parte del Ministero – aggiunge Di Stefano – nell’auspicio di un chiarimento della situazione, sono stati comunque accantonati i fondi assegnati nel 2018, che sono quindi ancora erogabili. L’importo esatto dipenderà, al termine delle verifiche in corso da parte del Consolato Generale”. Il sottosegretario ha assicurato che “tali verifiche vengono condotte nel modo più rapido possibile e tenendo conto della necessità prioritaria di assicurare agli alunni dei corsi e alle loro famiglie la massima continuità didattica”. Soddisfatta della risposta l’on. Nissoli. (Inform)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform