direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Consiglio regionale del Friuli Venezia Giulia, Garante dei diritti delle persone con studenti italiani e sloveni su bullismo e cyberbullismo

INCONTRI FORMATIVI  

 

 

TRIESTE –Consiglio regionale del Friuli Venezia Giulia: la presidente del Collegio del Garante regionale dei diritti delle persone, Fabia Mellina Bares, ha promosso un incontro formativo dedicato ai giovani sull’uso corretto delle nuove tecnologie; l’evento ospitato dalla scuola “Pietro Addobbati” di Trieste, ha coinvolto duecento tra insegnanti e studenti dell’Istituto comprensivo Roiano-Gretta e dell’Istituto Pier Paolo Vergerio Il Vecchio di Capodistria (Slovenia) con lingua di insegnamento italiana.

“Contagiamoci in sicurezz@”, questo il titolo dell’incontro, fa parte del progetto sulle attività per il contrasto al bullismo e al cyberbullismo portato avanti da Garante dei diritti della persona, Corecom, Commissione pari opportunità, Ufficio scolastico, Compartimento di polizia postale e delle comunicazioni

Dall’ultima indagine Doxa Kids svolta sul territorio nazionale inerente il fenomeno del bullismo si ricava che il 35% dei ragazzi e ragazze tra gli 11 ed i 18 anni ha vissuto episodi di violenza da parte di coetanei o compagni di scuola e il fenomeno è in aumento. La stessa indagine ha evidenziato che le principali vittime sono le ragazze (56% dei casi), tra gli 11 e i 14 anni (40% dei casi), mentre il 10% degli adolescenti coinvolti è di nazionalità straniera.

Un dato emergente e in forte crescita affrontato durante l’incontro è quello del vamping, ovvero, invece di dormire di notte, i teenager socializzano tramite il web. Questa abitudine sta arrivando dall’America e si sta diffondendo anche in Italia creando nei ragazzi che lo praticano stanchezza, irritabilità e mancanza di concentrazione a scuola.

Scopo dell’azione formativa era proprio di sensibilizzare e far acquisire ai partecipanti le principali conoscenze sui temi del bullismo e cyberbullismo, per svolgere un’importante azione di prevenzione offrendo loro gli accorgimenti utili a fronteggiare i possibili rischi dovuti a un non corretto uso di Internet.

Sono seguiti interventi di Chiara Pocecco dell’Istituto comprensivo, di Alessandra Belardini e Luca Penna del Compartimento di polizia postale e delle comunicazioni.(ab/Inform)

 

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform