direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

All’IIC di Copenaghen fino al 20 agosto la mostra fotografica dedicata a Ugo Mulas

EVENTI

Iniziativa realizzata in collaborazione con l’Archivio Mulas e la IMF Foundation

COPENAGHEN – Da oggi al 20 agosto 2021 l’Istituto Italiano di Cultura di Copenaghen ospita “Danimarca 1961”, mostra fotografica dedicata a Ugo Mulas e realizzata in collaborazione con l’Archivio Mulas e la IMF Foundation.

Ugo Mulas, fotografo italiano tra i più importanti del secondo Novecento, inizia la sua carriera negli anni Cinquanta, ritraendo la periferia operaia e i protagonisti della scena artistica italiana, tra cui alcune personalità all’epoca emergenti, come Lucio Fontana e Piero Manzoni. Negli anni Sessanta, intanto, l’Italia vive il suo boom economico, che vede la nascita di numerose riviste patrocinate da colossi industriali, come Pirelli, e da grandi case editrici, come Garzanti, che fonda “L’Illustrazione Italiana”. Mulas collabora con diverse riviste in veste di fotoreporter, tra cui proprio con “L’illustrazione italiana”, per la quale tra il 1955 e il 1962 firma più di cento servizi, come il celebre reportage sulla Danimarca, realizzato nel 1961 insieme

al critico Giorgio Zampa. Al tempo dei grandi cambiamenti economici e sociali in Italia, il paese scandinavo era infatti considerato un modello di benessere e sviluppo a cui ispirarsi. Mulas stesso definisce la Danimarca un paese “sereno” rispetto all’Italia in pieno tumulto, cogliendone lo spirito più autentico nei suoi vari aspetti, dalla vita quotidiana alle eccellenze culturali. Mulas incontra e ritrae alcuni degli intellettuali che animavano la cultura danese del tempo, tra cui la scrittrice Karen Blixen e il fisico premio Nobel Niels Bohr, ma rimane affascinato anche dal design danese e dal Louisiana Museum of Modern Art, da poco inaugurato a pochi chilometri a nord di Copenaghen, da cui già si intravede l’interesse di Mulas per l’arte, caratteristico dei suoi lavori successivi. Dopo l’esperienza in Danimarca, infatti, Mulas concentrerà la sua attenzione sugli artisti d’avanguardia e le loro ricerche, piuttosto che sulle loro opere, immortalando Steinberg, Calder, Rauschenberg, Warhol e molti altri.

Da questo reportage nel paese scandinavo, nasce quindi la mostra “Danimarca 1961”, che presenta 41 fotografie in bianco e nero, tra cui i ritratti di Karen Blixen, Arne Jacobsen, Hans Wegner e Niels Bohr, ma anche fotografie dell’iconico design danese degli anni Sessanta, dell’architettura e dell’arte contemporanea del Louisiana Museum of Modern Art.

Maggiori informazioni sono disponibile sul sito web dell’IIC di Copenaghen: www.iiccopenaghen.esteri.it. (Inform)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform