direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

A Buenos Aires fino al 22 settembre la 10ª edizione del Festival Cinemigrante

CINEMA

 

Selezionati dall’Istituto Italiano di Cultura tre documentari di autori italiani

 

BUENOS AIRES – E’ in corso di svolgimento la 10ª edizione del Festival Cinemigrante, che sarà in programma fino al 22 settembre, dislocata in diverse sedi istituzionali e culturali della città di Buenos Aires, con ingresso a pagamento. L’Istituto Italiano di Cultura Buenos Aires partecipa e collabora a questa iniziativa, organizzata da Cinemigrante, con tre film selezionati per la rassegna “Sección Central” del Festival. La prima delle tre opere è il documentario “Selfie” del 2019, regia di Agostino Ferrante. E’ la storia di due sedicenni, Alessandro e Pietro, che vivono nel Rione Traiano di Napoli. I due sono amici inseparabili: Alessandro ha trovato un lavoro da cameriere in un bar mentre Pietro cerca un’occupazione come parrucchiere. I due hanno accettato la proposta del regista di riprendersi con un iPhone, raccontando così la loro quotidianità di ragazzi come tanti altri nel mondo. “What you gonna do when the world’s on fire” è invece un documentario del 2018, regia di Roberto Minervini. Si narrano le tragiche vicende dell’estate 2017, quando una serie di brutali uccisioni di giovani afroamericani per mano della polizia scosse gli Stati Uniti e il paese dovette interrogarsi sul razzismo e sullo stato reale delle discriminazioni nel proprio territorio. “Shelter, farewell to Eden” è infine un documentario del regista Enrico Masi, prodotto nel 2019. E’ la storia di Pepsi, militante transessuale nata nel Sud delle Filippine in un’isola di fede musulmana. Dal Mindanao alla giungla di Calais, Pepsi rincorre il riconoscimento di un diritto universale, vivendo l’odissea dell’accoglienza in Europa. Pepsi è un individuo in transizione alla ricerca di un impiego stabile, come badante, dopo aver lavorato per oltre dieci anni nella Libia di Gheddafi, come infermiera, prima di essere costretta a seguire il flusso dei rifugiati. (Inform)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform