direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

300 ragazzi di 116 scuole festeggiano i vincitori del concorso alla ricoperta di lingua, tradizione, storia

FESTA DEL POPOLO VENETO

VENEZIA – Sono state ancora una volta le scuole del Veneto le principali protagoniste della Festa del Popolo Veneto, che da alcuni anni è stata istituita con legge regionale nel giorno del 25 marzo, data della fondazione di Venezia, che viene fatta risalire a quel giorno dell’anno 421.

Una festa all’insegna della riscoperta della storia, delle tradizioni, della lingua veneta, delle fiabe e delle leggende centenarie, che la Regione del Veneto, l’Unione delle Pro Loco del Veneto e l’Ufficio Scolastico Regionale hanno organizzato alla Scuola Grande di San Giovanni Evangelista a Venezia, dove, nel corso di un meeting affollato da almeno 300 ragazzi, sono state premiate le Scuole vincitrici del Concorso “Tutela, Valorizzazione e Promozione del Patrimonio Linguistico e Culturale Veneto”.

Al Concorso hanno partecipato 116 scuole di tutto il Veneto e 9 da Croazia e Slovenia, che hanno realizzato ben 150 progetti su vari ambiti: la lingua veneta nelle sue espressioni creative nel teatro, nella musica e nella poesia; il territorio con il suo patrimonio storico-artistico ed enogastronomico; raccolta e racconto delle leggende e dei misteri della storia del proprio territorio.

A festeggiare i giovani che, in un’atmosfera gioiosa e frizzante, hanno rappresentato sul palco i loro lavori, c’erano l’assessore regionale all’identità veneta Daniele Stival, il presidente dell’Unpli Giovanni Follador, la dirigente dell’Ufficio Scolastico del Veneto Gianna Marisa Miola e il curatore scientifico del Concorso professor Paolo Scapinello.

“La scelta dell’ambito culturale e il coinvolgimento delle scuole venete, istriane e slovene in questa festa continua ad essere vincente e l’interesse aumenta ad ogni edizione – ha sottolineato Stival – e premia così un’intuizione che avemmo nel 2007. Squadra che vince non si cambia – ha aggiunto – per cui diamo già a tutti l’appuntamento per l’anno prossimo, quando cercheremo anche di rafforzare il ponte che ci unisce con 600 anni di storia con l’altra sponda dell’Adriatico”. (Inform)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform