direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Stockholm Early Music Festival, dall’8 al 13 settembre torna il grande evento svedese dedicato alla musica storica

CULTURA

 

 

STOCCOLMA – Dall’8 al 13 settembre, ritorna Stockholm Early Music Festival, il più grande evento internazionale della regione nordica, dedicato alla musica storica. Varietà e qualità è il motto di questo festival, che presenta repertori musicali di età barocca, rinascimentale e medievale, offrendo un ampio e variegato programma di musica antica da tutto il mondo, interpretata da noti artisti svedesi e internazionali. Giunto quest’anno alla XIX edizione, il Festival si svolge nella storica e affascinante cornice di Gamla Stan, la città vecchia di Stoccolma. Protagonista di questa edizione è senza dubbio la musica italiana, con il contributo dell’Ambasciata d’Italia a Stoccolma, main sponsor di questa edizione grazie al piano di promozione integrata Vivere all’Italiana, e dell’Istituto Italiano di Cultura di Stoccolma, che hanno voluto fortemente sostenere la manifestazione nonostante l’emergenza sanitaria Covid-19, ma in linea con le disposizioni vigenti e le raccomandazioni dell’Agenzia di Salute pubblica svedese. Il programma prevede la presenza del musicista Simone Vallerotonda, l’Ensemble Mare Nostrum, l’ensemble di danza barocca La Terza Prattica e l’ensemble italo-austro-tedesco Oni Wytars. Il soprano Giulia Bolcato, il baritono Marco Bussi e l’Ensemble Mare Nostrum, sotto la direzione musicale di Andrea de Carlo, accompagnano il pubblico in una romantica passeggiata attraverso le luci e i profumi della città eterna, Roma, dove misticismo, tensioni politiche e passioni hanno ispirato le melodie di Alessandro Stradella. In “Amor di Roma” (mercoledì 9 settembre, ore 20:00, Chiesa Tedesca), Mare Nostrum esplora la relazione tra linguaggio, suono ed emozioni nelle opere di Stradella ed inaugura il festival, alla presenza dell’Ambasciatore d’Italia Mario Cospito. Simone Vallerotonda si è esibito nei teatri e nelle sale più prestigiose in USA, Australia, Sud America, Oriente, Europa, sia come solista che in ensemble. Per Stockholm Early Music Festival, presenta “Punctum Contra Punctum. Simmetrie e Visioni nel Rinascimento italiano” (giovedì 10 settembre, ore 17:30 e ore 19:00 presso la Chiesa Finlandese), un concerto dedicato a Raffaello Sanzio e ai compositori rinascimentali, in occasione del 500° anniversario dalla morte dell’artista, che ricorre proprio quest’anno. Simone Vallerotonda, attraverso il suono del liuto rinascimentale, guida gli spettatori in un viaggio musicale tra pittura, architettura, musica, poesia e teatro, che aspirano al modello greco di perfezione e bellezza. Tutto guarda alla Natura come armonia, proporzione, simmetria. L’uomo è al centro dell’Universo e in questa nuova dimensione armonica e sinergica con la natura e con Dio, è artefice del proprio destino. La valorizzazione di tutte le potenzialità umane è alla base della dignità dell’individuo, con il rifiuto della separazione tra spirito e corpo: la ricerca del piacere e della felicità è elogiata in tutte le sue forme come ricerca e conoscenza del proprio “io” secondo natura, ovvero all’interno del sistema Natura in cui l’uomo è al centro. Le danze barocche di Venezia e quelle della capitale metropolitana Parigi traggono ispirazione l’una dall’altra e altrettanto si riflettono l’una nell’altra. L’ensemble di danza barocca La Terza Prattica, sotto la guida del direttore Deda Colonna, invita il pubblico a calarsi nell’atmosfera settecentesca in “The Venice Effect” (sabato 12 settembre, ore 14:00 e ore 18:00, Chiesa Finlandese). Infine, l’ensemble italo-austro-tedesco Oni Wytars, che dal 1983 si esibisce in tutto il mondo, chiude il Festival con “Pentamerone” (domenica 13 settembre, ore 19:00, Chiesa Tedesca), esplorando le espressioni musicali delle diverse tradizioni europee tra il 1200 e il 1700. Pentamerone è la prima raccolta di fiabe classiche e storie tradizionali stampata a Napoli nel 1634. Lo spettacolo, come fosse un parallelo artistico e musicale alla letteratura, riflette cinque secoli di melodie napoletane cortensi e popolari. Per maggiori informazioni su Stockholm Early Music Festival e per conoscere il programma completo, si rimanda al sito www.semf.se. (Inform)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform