direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

YA e Ri-Scoprire il Friuli, avanti con i soggiorni culturali sulla strada del ricambio

ASSOCIAZIONI

Da “Pagina Pordenonesi” dell’Efasce-Pordenonesi nel mondo

 

Formula azzeccata per coinvolgere i più giovani

 

PORDENONE – A dicembre si è conclusa a Toronto la visita del presidente Bernardon ai Segretariati Efasce d’oltre Atlantico. Sabato 9 ottanta nostri corregionali, in rappresentanza di 15 Segretariati Efasce in Canada più alcuni dei partecipanti ai programmi YA e Ri- Scoprire il Friuli di questi ultimi anni, si sono ritrovati nella sede della Famee Furlane di Toronto per partecipare a un incontro organizzato dalla coordinatrice dei Segretariati Efasce in Canada, Loretta Cal, coadiuvata dalla Segretaria Oriana Gardin.

Presenti fra gli altri alcuni graditi ospiti della Famee Furlane, fra cui Nino Blasutta presidente dell’Età d’Oro Group, Patrizia Pivetta presidente del Women Auxiliary e Vanessa Lovisa presidente del ’20 Something Youth Group, che hanno portato il loro saluto ai convenuti.

Ha introdotto i lavori Loretta Cal che ha illustrato le attività comuni svolte nel corso dell’anno e subito dopo ha invitato i presidenti dei singoli sodalizi ad intervenire per illustrare le attività svolte dal proprio Club e, cogliendo l’occasione della presenza del presidente Bernardon, a fare domande e proposte riguardo ai programmi futuri dell’Efasce.

Rinnovamento segretariati

Molti i temi trattati e le proposte avanzate nei vari interventi, fra i quali quello di organizzare annualmente una grande festa con tutti i club pordenonesi. Ma anche le difficoltà che molti Segretariati hanno a rinnovare i propri dirigenti è stato un tema molto discusso.

La maggior parte di loro sono emigranti di prima emigrazione, con un legame particolarmente affettivo con il paese in cui sono nati. Diversa è la condizione dei loro figli o nipoti, nati in Canada, che necessitano di altre motivazioni, più rispondenti alla loro cultura e al loro tempo. Una conferma di questo ragionamento lo si è avuto dagli interventi di alcuni giovani presenti che hanno partecipato in questi ultimi anni ai soggiorni culturali YA e più recentemente ai soggiorni Ri-Scoprire il Friuli. Il loro contributo positivo dato alla discussione ci rafforza nella convinzione che la formula di questi soggiorni è la via maestra per mantenere e rafforzare il legame fra le generazioni dei discendenti dei primi emigranti e la terra di origine.(Pagina Pordenonesi n.1 , 7 gennaio 2018/Inform)

 

Powered by WordPress | Designed by Elegant Themes