direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

XXV edizione delle Olimpiadi di Filosofia, 88 studenti in corsa per il podio

MIUR

La premiazione si terrà domani alla presenza del sottosegretario all’Istruzione Vito De Filippo. Fra i presenti Roberto Vellano, della direzione generale per la Promozione del Sistema Paese del Maeci

 

ROMA – Sono 88 le alunne e gli alunni pronti alla sfida per le Olimpiadi di Filosofia. La finale nazionale si tiene oggi,  martedì 28 marzo, a Roma. Le ragazze e i ragazzi in gara hanno dovuto superare le fasi di selezione a livello di istituto e regionale per essere ammessi a quest’ultima prova. Mercoledì mattina, 29 marzo, si terrà la premiazione alla presenza del sottosegretario all’Istruzione Vito De Filippo. Le Olimpiadi di Filosofia giungono quest’anno alla XXV edizione. Una competizione che continua a crescere con oltre 10.000 studentesse e studenti iscritti alla gara (erano poco più di 9.000 l’anno scorso, mentre sono stati 4.000 in gara nel 2015), 413 istituti scolastici (58 in più rispetto al precedente anno scolastico), sia italiani che all’estero, e circa 1.000 tra dirigenti e docenti impegnati ad “allenare” le proprie ed i propri alunni per la difficile competizione filosofica.

La manifestazione è promossa dalla direzione generale per gli Ordinamenti Scolastici e la Valutazione del Sistema Nazionale di Istruzione del Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, nell’ambito delle iniziative volte alla Valorizzazione delle Eccellenze, d’intesa con la Società Filosofica Italiana.

La finale, si svolge oggi, presso l’hotel Parco Tirreno (via Aurelia, 480). Le finaliste e finalisti hanno quattro ore di tempo per cimentarsi nella elaborazione del saggio filosofico che, a loro scelta, potrà essere in lingua italiana o in lingua straniera (inglese, francese, tedesco, spagnolo).  Domani  la premiazione alle ore 11, presso la Sala della Comunicazione del Miur (in viale Trastevere 76/a). A consegnare i riconoscimenti, oltre al sottosegretario De Filippo, saranno anche Elena Capparelli, vicedirettore di Rai Cultura, Francesco Coniglione, Presidente della Commissione nazionale di valutazione degli elaborati per la finale, Rosa De Pasquale, Capo Dipartimento per l’Istruzione del Miur, Carmela Palumbo, direttore generale della direzione generale per gli Ordinamenti Scolastici e la Valutazione del Sistema Nazionale di Istruzione del Miur, Giuseppe Pintus, direttore editoriale di Inschibboleth che presenta un progetto di Alternanza Scuola-Lavoro per la ripubblicazione della storica rivista di filosofia “Il Pensiero”, Emidio Spinelli, presidente della Società Filosofica Italiana, Roberto Vellano, ministro Plenipotenziario della direzione generale per la Promozione del Sistema Paese del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale. La premiazione potrà essere seguita in diretta streaming sul sito del Miur (www.istruzione.it).

Le Olimpiadi di Filosofia offrono modalità per favorire il rinnovamento della didattica della disciplina, nel segno del critical thinking e del debate, dell’interdisciplinarità e della laboratorialità, della scrittura argomentativa e del CLIL (l’insegnamento di una disciplina in lingua straniera), dell’uso delle tecnologie digitali e dei nuovi ambienti per l’apprendimento, dell’alternanza scuola-lavoro e della dimensione internazionale. Quest’ultima valorizzata, in particolare, dalla International Philosophy Olympiad, la gara che annualmente vede i candidati italiani competere con i coetanei europei ed extraeuropei e i docenti dei vari paesi partecipanti dialogare attorno ai diversi modelli di insegnamento della disciplina. Le Olimpiadi di Filosofia, inoltre, rappresentano un’occasione di studio là dove la materia non è prevista nel curricolo, come negli Istituti Tecnico e Professionali, attraverso l’inserimento di percorsi di filosofia tra gli insegnamenti opzionali, utilizzando la quota di autonomia e gli spazi di flessibilità, previsti dalla legge 107/2015, per rispondere alla domanda di senso dei giovani e alla richiesta di ampliamento dell’offerta formativa. (Inform)

Powered by WordPress | Designed by Elegant Themes