direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Valter Della Nebbia: I Comites sono ancora una volta sotto attacco

ITALIANI ALL’ESTERO

 

HOUSTON – Qui di seguito una nota di Valter Della Nebbia, presidente Comites Houston e coordinatore Intercomites USA.

È da parecchio che si parla di una riforma della legge istitutiva del Comites. Il CGIE sarà impegnato durante la prossima settimana in una analisi seria e puntuale di tutte le proposte di riforma. Ci sono molte cose che dovrebbero essere corrette e altre da aggiungere, sono sicuro che il dibattito produrrà (se non un vero e proprio articolato) almeno delle indicazioni di massima molto utili al legislatore.

Quello che non può essere accettato e deve essere evitato a tutti i costi, è una qualsiasi riduzione del numero dei Comites. Circolano voci che ci sia un accordo per l’innalzamento del numero minimo di iscritti all’AIRE, dall’attuale 3000 a 10000, come condizione per la costituzione di un Comites nella circoscrizione consolare.  Tale aumento porterebbe all’eliminazione di tanti Comites (due negli USA). C’è chi è disposto a sacrificare la rappresentanza sull’altare del risparmio. Noi No!

L’intercomites USA, riunitosi a Miami lo scorso 4 marzo, ha votato all’unanimità per mantenere il numero minimo a 3000. Si ricevono informazioni simili dall’Australia, dal Canada e dal Sud Africa (non a caso Stati con Grande estensione territoriale).

Un plauso va ai consiglieri del CGIE Arcobelli, Papandrea e Pinna che immediatamente senza indugi e con convinzione si sono schierati con i Comites e si sono resi disponibili per difendere lo status quo. Con la presente intendo sensibilizzare tutti i consiglieri del CGIE che dovranno votare per questo cambiamento a riflettere e considerare le conseguenze della votazione.  La stragrande maggioranza dei Comites (se non tutti) dell’area Anglofona è contro l’innalzamento.

Vorrei inoltre invitare i parlamentari eletti all’estero ad attivarsi presso tutte le sedi appropriate per evitare che “inavvertitamente” con un cambio dei requisiti minimi, di fatto si riduca la nostra rappresentanza.

Buon lavoro. (Valter Della Nebbia* – Inform)

* Presidente Comites Houston e coordinatore Intercomites USA

Powered by WordPress | Designed by Elegant Themes