direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Un’interrogazione al Ministero del Lavoro sull’importanza della stipula e del rinnovo delle convenzioni bilaterali di sicurezza sociale

CAMERA DEI DEPUTATI

Dai deputati Pd della circoscrizione Estero Schirò e Ungaro

 

ROMA – “Con la stipula di decine di convenzioni bilaterali di sicurezza sociale lo Stato italiano nel dopoguerra fino agli anni ’80 e ’90 del secolo scorso ha cercato di garantire i diritti socio-previdenziali degli italiani che emigravano in tutto il mondo. Le convenzioni bilaterali hanno rappresentato e rappresentano ancora oggi un importante strumento di tutela in materia di parità di trattamento dei lavoratori che si spostavano da un Paese all’altro, di esportabilità delle prestazioni previdenziali e soprattutto di totalizzazione dei contributi ai fini del perfezionamento dei requisiti contributivi minimi previsti dalle varie legislazioni per la maturazione di un diritto a prestazione.

Tuttavia, come sottolineato dallo stesso Presidente dell’Inps Tito Boeri in una Audizione al Senato lo scorso anno, il blocco del rinnovo e della stipula di nuove convenzioni si è protratto per quasi trenta anni e sarebbe quindi opportuno avviare una nuova fase (in parte già iniziata dal precedente Governo con la stipula degli accordi con Giappone, Israele, Turchia e il rinnovo di quello con il Canada)”. Così la deputata Pd Angela Schirò (circoscrizione Estero-ripartizione Europa) che “proprio per sollecitare questo Governo ad avviare i negoziati per il rinnovo e la stipula delle convenzioni bilaterali” ha presentato assieme al collega Massimo Ungaro (Pd-circoscrizione Estero-ripartizione Europa) “un’ interrogazione al Ministero del Lavoro dove stigmatizziamo che molte delle convenzioni in vigore sono oramai obsolete nello spirito, nei contenuti e nella forma, e che senza aggiornamenti non possono più tutelare adeguatamente diritti e interessi o doveri dei futuri pensionati anche alla luce delle nuove mobilità migratorie”.

“Abbiamo ricordato l’obsolescenza delle convenzioni con Argentina, Brasile, Venezuela, Australia e Stati Uniti e la necessità di rinegoziare le convenzioni con i Paesi della ex Jugoslavia, di programmare in vista della Brexit una fase negoziale con la Gran Bretagna per tutelare diritti e interessi di decine di migliaia di lavoratori che potrebbero rimanere scoperti e, infine, abbiamo chiesto di completare il quadro giuridico di salvaguardia dei diritti sociali stipulando nuove convenzioni come ad esempio con il Cile, l’Albania e la Nuova Zelanda”, conclude l’on. Schirò (Inform)

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail
Powered by WordPress | Designed by Elegant Themes