direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Una nota del responsabile del Patronato INAPA NSV Giuseppe Musso

PATRONATI

 

SYDNEY – In una nota il responsabile del Patronato INAPA NSV Giuseppe Musso rileva come ad oggi la maggior parte delle pensioni per gli italiani all’estero pagate in Australia prevedano importi troppo bassi  rispetto al costo della vita australiano. Musso evidenzia poi il rischio che, come è già è avvenuto per il 2017, il pagamento ai pensionati dell’ultima quattordicesima divenga causa di “indebiti e sconforto fra i nostri connazionali”. Per Musso inoltre  “in  un paese ad economia forte come quella australiana, la 14esima spetterà solo a pochissimi”. Musso ricorda anche come da tempo il patronato INAPA abbia chiesto di intervenire affinché venga istruita la banca a pagare la pensione ai nostri connazionali in Australia anche con il cognome da sposata, visto che l’istituto bancario richiede un documento di riconoscimento valido e che in Australia al momento del matrimonio il cognome da nubile cessa di esistere. Un problema che , per Musso, non è stato ancora preso in considerazione.

Il responsabile del patronato INAPA, dopo aver auspicato un incremento delle pensioni in Convenzione che riveda l’importo minimale delle stesse, segnala il rischio che fra gli italiani in Australia possano essere pochissimi i beneficiari della proposta di legge del 29 marzo scorso che prevede l’estensione dell’assegno sociale ai  cittadini all’estero iscritti all’Aire. “E’necessario lavorare, avere idee e stimolare i legislatori – conclude Musso – a restituire ai nostri connazionali quella dignità dovuta, dando priorità alle fasce più deboli”. (Inform)

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail
Powered by WordPress | Designed by Elegant Themes