direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Una nota del consigliere del Cgie, Giuseppe Stabile

ITALIANI ALL’ESTERO

Le novità introdotte per incentivare il trasferimento di pensionati in Italia giudicate “utili, ma non sufficienti se limitate al Sud Italia e ai comuni a bassa densità abitativa”

ROMA – Il consigliere del Cgie Giuseppe Stabile segnala in una nota come “conclusasi la plenaria del Cgie, prosegue l’attività costruttiva di collaborazione affinché vengano apportati o migliorati provvedimenti che scongiurino lo spopolamento dei territori italiani, creando nuove opportunità di ritorno in Patria iniziando da coloro che hanno visto l’espatrio quale motivo di sopravvivenza”.

Stabile si sofferma poi in particolare alle novità introdotte per incentivare il trasferimento di pensionati in Italia. “A differenza del Portogallo che garantisce tassazione zero per dieci anni senza vincoli territoriali, la leva dell’incentivo fiscale per i pensionati all’estero con una aliquota forfettaria al 7%, la cui durata è salita da 5 a 9 anni, potrebbe essere considerata utile – rileva Stabile, – pur se da sola non sufficiente, qualora l’opportunità per i pensionati del nostro Paese, che sceglieranno di rientrare in Italia e per quelli stranieri che sceglieranno di trasferirsi, venga estesa a tutto il territorio e non limitata  esclusivamente alle Regioni meridionali e in un comune a bassa densità abitativa (meno di 20.000 abitanti)”.

“Risulterebbe, infatti, poco probabile immaginare che un pensionato residente all’estero con una proprietà al nord Italia decida di rientrare per stabilirsi in altra regione che non sia quella d’origine. Per i pensionati stranieri, invece – prosegue il consigliere del Cgie, – il vantaggio potrebbe essere circoscritto ai territori meridionali, che più hanno sofferto le crisi susseguitesi, contribuendo così al loro sviluppo, non tralasciando però il tema dell’efficienza dei servizi iniziando da quello sanitario a cui la categoria guarda con molta attenzione”. (Inform)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform/a> | Designed by ComunicazioneInform