direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Su We the Italians l’intervista a Federico Faggin

ITALIANI ALL’ESTERO

Dai primi anni di attività alla Olivetti fino all’arrivo nella Silicon Valley californiana

NEW YORK – Su We the Italians l’intervista di Umberto Mucci a Federico Faggin, il creatore del primo microchip della storia e connazionale emigrato negli anni Sessanta negli Stati Uniti, nella Silicon Valley californiana.

“Quando iniziai a lavorare all’Olivetti nel 1960 – rileva Faggin, – non avrei mai previsto che il progetto e la costruzione di un computer grande come un armadio mi avrebbe condotto nel giro di soli 10 anni alla laurea in fisica, allo sviluppo della nuova tecnologia MOS, al primo microprocessore e poi a dieci anni ulteriori di innovazioni dando vita alle prime quattro generazioni di microprocessori. La creazione dei primi touchpad e touchscreen, di cui sono co-inventore, hanno poi cambiato irreversibilmente il modo con cui interagiamo con i nostri dispositivi mobili”.

Faggin si sofferma sulle caratteristiche che hanno fatto per lui la differenza, in particolare la sua versatilità ed intuizione, frutto della formazione italiana e dell’educazione ricevuta in famiglia – il padre, professore di filosofia sia al liceo classico che all’Università di Padova, era uno studioso e scrisse più di 40 libri; sull’attività della sua fondazione, la Federico e Elvia Faggin Foundation, istituita nel 2011 e che indaga ciò che unisce il mondo interiore (la spiritualità) a quello esteriore (la scienza); e sul suo libro appena pubblicato in Italia, “Silicio, dall’invenzione del microprocessore alla nuova scienza della consapevolezza”. (Inform)

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail
Powered by WordPress | Designed by Elegant Themes