direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Seconda edizione del concorso “L’innovazione che parla italiano”

PREMI

Il riconoscimento è dedicato alle start up tecnologiche che operano all’estero e fondate da cittadini italiani

 

CANBERRA – L’Ambasciata d’Italia in Australia invita alla partecipazione alla seconda edizione del premio “L’innovazione che parla italiano”, riconoscimento dell’alto valore innovativo di start up tecnologiche che operano all’estero e fondate da cittadini italiani.

L’Australia è infatti uno dei paesi da cui possono provenire candidature da parte di soci fondatori di start up che vi operano, insieme ad Argentina, Austria, Belgio, Brasile, Canada, Cile, Cina, Rep. di Corea, Danimarca, Egitto, Estonia, Finlandia, Francia, Germania, Giappone, Giordania, Gran Bretagna, India, Israele, Lituania, Messico, Paesi Bassi, Portogallo, Russia, Serbia, Singapore, Spagna, Sud Africa, Svezia, Svizzera, Usa, e Vietnam.

Il premio, che consisterà in una medaglia e in un diploma del Ministero degli Affari Esteri e Cooperazione Internazionale, verrà conferito alla start up vincitrice in occasione della prossima edizione della Conferenza degli Addetti Scientifici 2019 alla presenza del Ministro degli Affari Esteri e Cooperazione Internazionale e del Ministro dell’Istruzione, Università e Ricerca. Le domande devono essere inviate in unico file pdf entro e non oltre l’8 febbraio 2019, al seguente indirizzo di posta elettronica: canberra.scienza@esteri.it.

Il concorso è indetto dalla Direzione generale per la Promozione del Sistema Paese del Maeci e PNICube, Associazione Italiana degli Incubatori Universitari e delle Business Plan Competition accademiche locali.

La selezione finale del vincitore verrà effettuata in Italia da un Comitato scientifico costituito da investitori, imprenditori ed esperti, oltre a rappresentanti del Maeci e di PNICube. Il bando completo è disponibile, insieme al formulario da compilare per la partecipazione, sul sito dell’Ambasciata d’Italia in Australia. (Inform)

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail
Powered by WordPress | Designed by Elegant Themes