direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Presentata a Bari l’edizione 2019 de “I Fanove” di Castellana Grotte

TRADIZIONI

La manifestazione si svolgerà la sera dell’11 gennaio

BARI – Da 328 anni la città di Castellana Grotte, in provincia di Bari, celebra nella notte dell’11 gennaio Santa Maria della Vetrana, patrona della città, dedicandole l’accensione di quasi cento Fanove, cataste di legna che ardono in tutta Castellana, dal centro abitato alla più lontana contrada, per ringraziarla del miracolo che la Vergine avrebbe accordato nel 1691 alla cittadinanza, e cioè la liberazione dalla peste.

La manifestazione è stata presentata nel corso di una conferenza stampa svoltasi a Bari presso la Presidenza della Regione Puglia.

Le Fanove di Castellana Grotte – ha dichiarato il dott. Aldo Patruno, direttore del Dipartimento Turismo ed economia della cultura e valorizzazione del territorio – sono un’esperienza da vivere intensamente. Quando una manifestazione arriva alla sua trecentoventottesima edizione e vede coinvolti moltissimi giovani vuol dire che è forte il legame con l’identità del territorio. Castellana – ha continuato – rispecchia pienamente quelli che sono gli intenti che con Regione e Pugliapromozione volevamo dare con il piano di Puglia365. Castellana – ha concluso – con le sue iniziative e non solo con le Fanove ma anche con il World Dance Movement, con il primo festival della filosofia del mezzogiorno, ovvero Philosofars e non ultimo con le visite guidate alla scoperta di Castellana Grotte, aggiungono costantemente elementi per vivere la nostra regione 365 giorni all’anno.

La manifestazione de “I Fanove” è molto sentita dalla popolazione castellanese come testimoniato dal presidente del Comitato feste patronali Michele Guglielmi “In Città – ha commentato – si respira da giorni un gran fermento che anima ogni castellanese nella settimana de “I Fanove“. La preparazione delle cataste di legna, la diana notturna, le sante messe, tutto contribuisce alla realizzazione di questo importante e imponente evento sia per Castellana in particolare, che per la Puglia in generale. Il Comitato – ha concluso – sta portando avanti un’attività di riscoperta e consolidamento delle matrici culturali, della storia, della memoria, delle tradizioni del nostro territorio, per valorizzare il senso di appartenenza e di valorizzazione del nostro patrimonio identitario”. (Inform)

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail
Powered by WordPress | Designed by Elegant Themes