direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Padre Gabriele Bentoglio (Migrantes Brescia): Giornata mondiale del migrante e del rifugiato , diffuso il messaggio di papa Francesco

CHIESA CATTOLICA

 

CITTÀ DEL VATICANO – E’ stato diffuso, dalla Sala Stampa della Santa Sede, il messaggio di Papa Francesco per la Giornata Mondiale del Migrante e del Rifugiato che si celebrerà il prossimo 14 gennaio (v. migrantesonline.it)

Il 6 dicembre 1914, a pochi mesi dall’inizio del pontificato di Benedetto XV, che ereditava da San Pio X un fecondo e dinamico patrimonio di sensibilità e di concrete iniziative nell’ambito della pastorale delle migrazioni la Congregazione Concistoriale inviava agli Ordinari Diocesani Italiani la lettera circolare “Il dolore e le preoccupazioni”, nella quale si chiedeva, per la prima volta, di istituire una Giornata annuale di sensibilizzazione e, poi, di raccolta di denaro in favore delle opere pastorali per gli emigrati Italiani e per il sostentamento economico di un Collegio, appositamente fondato a Roma, per la preparazione dei missionari d’emigrazione.

L’anno successivo, il 22 febbraio 1915, la medesima Congregazione inviava una lettera pure agli Ordinari Diocesani d’America, chiedendo che anch’essi si facessero carico di raccogliere fondi per la sollecitudine pastorale in favore degli emigrati italiani.

La Congregazione Concistoriale fissava la data della celebrazione, per l’Italia, nella prima domenica di quaresima e, dunque, la prima Giornata ebbe luogo il 21 febbraio 1915. Poi, nel 1928, la Concistoriale la trasferì alla prima domenica d’avvento.

La Costituzione Apostolica Exsul Familia, nel 1952, raccomandò che si celebrasse una giornata annuale “pro emigranti”, allargata però anche a emigrati “di altre nazionalità o lingue”, oltre agli italiani, da tenersi in tutto il mondo, nella prima domenica d’avvento.

L’Istruzione De pastorali migratorum cura, nel 1969, ribadì l’importanza della “Giornata del migrante” a livello mondiale e per tutti i migranti, e decise che fosse “celebrata nel periodo e nel modo che le circostanze locali e le esigenze d’ambiente sociale suggeriscono” (24.6).

L’Istruzione Erga migrantes caritas Christi, nel 2004, costatò l’estensione della Giornata anche ai rifugiati, stabilendo che “al fine di sensibilizzare tutti i fedeli ai doveri di fraternità e di carità nei confronti dei migranti, e per raccogliere gli aiuti economici necessari per adempiere gli obblighi pastorali con i migranti stessi, le Conferenze Episcopali e le rispettive Strutture Gerarchiche delle Chiese Orientali Cattoliche fissino la data di una ‘Giornata (o Settimana) del migrante e del rifugiato’ nel periodo e nel modo che le circostanze locali suggeriscono, anche se in futuro si auspica ovunque una celebrazione in data unica” (EMCC, Ordinamento giuridico-pastorale, art. 21).

Infine, il Santo Padre Giovanni Paolo II la fissò per tutta la Chiesa ne “la prima domenica dopo l’Epifania, quando questa è spostata alla domenica, e la seconda domenica dopo l’Epifania quando questa resta al 6 gennaio”, in pratica la prima domenica dopo il Battesimo di Gesù (Lettera N. 563.995, del 14 ottobre 2004, a firma di S.E. il Card. Angelo Sodano, Segretario di Stato). (Gabriele Bentoglio*-Migrantes online, 21 agosto/Inform).

*Missionario scalabriniano, direttore dell’Ufficio Migrantes di Brescia e già sottosegretario del Pontificio Consiglio della Pastorale per i migranti e gli itineranti

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail
Powered by WordPress | Designed by Elegant Themes