direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

“Notre-Dame de Paris. Sculture gotiche dalla grande Cattedrale”

MOSTRE

A Torino, aperta fino al 30 settembre

A Palazzo Madama, quattro sculture gotiche provenienti dalla celebre cattedrale di Notre-Dame de Paris: una mostra innovativa e multimediale

TORINO – A Palazzo Madama, fino al 30 settembre, frutto di una collaborazione con il Musée de Cluny – Musée national du Moyen Âge di Parigi, una mostra dedicata al tema della scultura gotica francese nella prima metà del 1200 e, in particolare, al cantiere della Cattedrale di Notre-Dame di Parigi.

Dal portale dell’Incoronazione della Vergine sulla facciata occidentale proviene la Testa d’Angelo, mentre dal portale del braccio settentrionale del transetto provengono la Testa di Re mago, la Testa di uomo barbuto e la Testa di figura femminile, allegoria di una virtù teologale. Le teste sono presentate con un coinvolgente allestimento audiovisivo che ricrea uno sfondo architettonico e ambientale per le sculture, arricchendo la visita con proiezioni e voci fuori campo che animano i quattro personaggi e ne raccontano la storia.

Tra il 1793 e il 1794 le quattro sculture furono rimosse dalla cattedrale parigina, insieme a molte altre che decoravano la galleria dei Re e i portali della facciata, su ordine del Comité revolutionnaire de la Section de la Cité in quanto simbolo della feudalità, della monarchia e della religione. Una perdita che è all’origine dell’imponente cantiere di restauro della Cattedrale degli anni 1845-64, sulla quale gli architetti Eugène Viollet-le-Duc e Jean-Baptiste Lassus si dovettero basare per realizzare le nuove sculture in sostituzione di quelle perdute.

Il pubblico può ammirare da vicino quattro capolavori del gotico francese e trovare al contempo spunti di riflessione su altri temi: l’organizzazione del lavoro in un cantiere medievale complesso come quello di una cattedrale, il tema della distruzione delle opere d’arte per ragioni politiche, fino a quello del restauro integrativo “romantico” dei monumenti medievali, che caratterizza gli interventi del XIX secolo in tutta Europa. (Inform)

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail
Powered by WordPress | Designed by Elegant Themes