direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Nell’ambito di “Luci sul lavoro 2018” a Montepulciano l’evento conclusivo del progetto Inside – Inserimento Integrazione nordsud inclusione

INTEGRAZIONE

L’iniziativa incentrata sull’integrazione socio-lavorativa dei titolari di protezione internazionale ospitati nel Sistema italiano Sprar

 

MONTEPULCIANO – Si è svolto nell’ambito della manifestazione “Luci sul lavoro 2018” a Montepulciano, l’evento conclusivo del progetto Inside-Inserimento Integrazione nordsud inclusione, progetto incentrato sull’integrazione socio-lavorativa dei titolari di protezione internazionale ospitati nel Sistema italiano Sprar e realizzato attraverso uno stretto coordinamento tra politiche del lavoro, dell’accoglienza e dell’integrazione.

I lavori sono stati introdotti da Tatiana Esposito, direttore generale dell’Immigrazione e delle politiche di integrazione del Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali, e da Rodolfo Giorgetti, responsabile della Direzione transizione fasce vulnerabili di Anpal Servizi.

Nell’ambito del progetto Inside – si legge nella nota diffusa dal Ministero del Lavoro in proposito, – sono stati attivati complessivamente 753 percorsi di inserimento socio-lavorativo e di integrazione. Tra gli enti proponenti figurano agenzie per il lavoro, associazioni, consorzi e cooperative sociali ed enti di formazione professionale. L’82% dei partecipanti ha un’età compresa tra i 18 e i 34 anni; le principali cittadinanze sono l’afghana (145 partecipanti), la pakistana (118) e la somala (82). Tra le principali aree di attività delle aziende ospitanti: i servizi di alloggio e ristorazione (138 percorsi), le attività manifatturiere (100), il commercio all’ingrosso e dettaglio e la riparazione di autoveicoli e motocicli (89).

L’esperienza è stata raccontata dalla viva voce dei partecipanti: enti proponenti (Ial Marche, Dimensione Impresa), aziende ospitanti (Mangio ergo sum, Faresin Formwork) e tirocinanti (Niaone Aboubakar, Aminou Issa). All’interno di un progetto che pone sempre la persona al centro e che fa dell’inclusione una realtà quotidiana, è emersa l’importanza di una formazione linguistica efficace e di una puntuale rilevazione dei bisogni formativi dei titolari di protezione internazionale.

Il progetto Inside, insieme a Percorsi, è uno dei due progetti italiani inseriti nella Banca dati della Commissione Europea (DG Employment, Social Affairs & Inclusion) dedicata alle “promising practices” nel campo dell’integrazione socio-lavorativa.

Inside ha rappresentato un’azione pilota che verrà replicata, su scala più ampia, nell’ambito del progetto “Puoi”, basato sull’integrazione di fondi Fami e Fse e incentrato sui servizi per il lavoro e i tirocini extra-curricolari per richiedenti e titolari di protezione internazionale e umanitaria. (Inform)

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail
Powered by WordPress | Designed by Elegant Themes