direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

“Musica per la città”, chiudono la rassegna I Solisti Aquilani ed Edicson Ruiz

L’AQUILA

Concerto il 15 maggio all’Auditorium del Parco

 

L’AQUILA – Sarà il venezuelano Edicson Ruiz, uno dei più straordinari bassisti del momento a “duettare” con I Solisti Aquilani per l’ultimo appuntamento con “Musica per la città” , a L’Aquila il 15 maggio (Auditorium del Parco ore 19.00).

. In programma “Barroquenas Venezolanas” n. 4 per contrabbasso, archi e cembalo di Efraìn Oscher, compositore, arrangiatore e flautista che ha composto numerose opere per Ruiz. Allievo, in giovanissima età, di Felix Petit, a soli 15 anni Ruiz ha vinto il primo premio al Concorso Internazionale di Indianapolis (Usa).    Successivamente, ha frequentato corsi con Janne Saksala, e nel 2001 è diventato il più giovane membro della Orchestra dell’Accademia della Filarmonica di Berlino, dove ha studiato con Klaus Stoll. Durante questo periodo, Edicson Ruiz è entrato a far parte della prestigiosa Orchestra Filarmonica di Berlino.

Ospite regolare di prestigiosi festival, ha eseguito numerose opere scritte per lui da compositori quali Heinz Holliger, Rudolf Kelterborn, Paul Desenne, Efrain Oscher, Arturo Pantaleon, Matthias Ockert, Luis Antunes Pena, Dai Fujikura, Rudolf Kelterborn e Roland Moser. La sua attività di musica da camera lo ha portato a collaborare con Anner Bylsma, György Kurtág, Heinz Holliger, Elliot Carter, Maurice Bourgue, Klaus Thunemann, Sabine Meyer, Yuri Bashmet, Christian Tetzlaff, Thomas Zehetmair, Gidon Kremer, Lars Vogt e Jörg Widmann. Ricchissima, inoltre la sua discografia.

Una rassegna che si chiude offre anche l’occasione per tracciare dei bilanci. E Musica per la città ha visto il tutto esaurito ai concerti, la presenza di un pubblico giovane, artisti ospiti di assoluto prestigio. Ma, soprattutto, ha colto quel calore, da parte del pubblico, che testimonia il legame profondo che I Solisti Aquilani hanno costruito in questi anni, sicuramente difficili, con la città. Ma non solo.

“Oggi – afferma il direttore artistico Maurizio Cocciolito – possiamo parlare di un bilancio davvero positivo anche in termini più ampi.  Ormai I Solisti Aquilani hanno nel loro carnet circa 140 concerti all’anno. Il riposizionamento dei Solisti Aquilani in Italia e all’estero, con la presenza alle manifestazione delle più importanti società concertistiche e ai festival internazionali più prestigiosi, è l’esempio più significativo della loro straordinaria crescita”.

Hanno suonato in città italiane emblema di musica e di cultura come Roma, Milano, Venezia, Napoli, Ravello, Genova, Palermo. All’estero, i Solisti hanno tenuto concerti a Berlino, Parigi, Strasburgo, Colonia, Dussendorf. Sono stati ospiti, in occasione dell’anniversario del sisma del 6 aprile del Parlamento Europeo e della Camera dei Deputati. Saranno in settembre alla Biennale Musica di Venezia, con una serie di prime esecuzioni: altro percorso, quello della contemporaneità, che li ha visti alle prese con le partiture di Richard Galliano, Stefano Taglietti, Roberta Vacca, Pasquale Corrado, Giovanni Sollima, e tanti altri ancora. Impossibile citare tutte le collaborazioni artistiche con personalità straordinarie come, per citarne solo alcuni, Mischa Maisky, Vladimir Ashkenazy, Shlomo Mintz, Salvatore Accardo, John Malkovic, Mario Brunello, Giovanni Sollima, Andrea Griminelli. Da segnalare anche l’impegno discografico con n. 8 dvd e 14 cd, tra cui l’ultimo “Una nuova stagione”, dietro il quale ci sono I Solisti Aquilani e il primo violino Daniele Orlando, e naturalmente Vivaldi: un chiaroscuro” visivo e sonoro che racconta la Natura come era e come la raccontava Vivaldi, e dall’altro la Natura violata come quella che abbiamo troppo spesso di fronte ai nostri occhi. Ad oggi su Spotfy il CD ha ottenuto oltre 3 milioni di contatti. Per questo progetto, che mette la musica al servizio dell’ambientalismo, I Solisti Aquilani hanno ricevuto il Premio Codacons. Imminente la realizzazione di un nuovo cd con Vladimir Ashkenazy.(Inform)

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail
Powered by WordPress | Designed by Elegant Themes