direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Menia (Ctim) : Anticostituzionali le modifiche al voto all’estero introdotte nella riforma elettorale

ASSOCIAZIONI

 

ROMA –  “Modifiche anticostituzionali”. Cosi il segretario generale del Ctim Roberto Menia definisce le modifiche introdotte dagli emendamenti Lupi (AP) e del relatore del Pd Emanuele Fiano alla legge elettorale sul voto degli italiani all’estero. Menai si riferisce all’inserimento nella legge sul voto all’estero della previsione che da una parte permette di paracadutare nella circoscrizione estero i residenti in Italia, cosa che viene invece vietata a termini invertiti, e dall’altra impedisce di candidarsi a chi abbia ricoperto nei 10 anni precedenti cariche politiche a qualunque livello. Per Menia riguardo al primo aspetto è palese l’incostituzionalità della norma, che di fatto rende un po’ “stranieri gli italiani all’estero”. Per quanto concerne invece i limiti alle candidature Menia sottolinea di condividere il fatto che chi ha fatto il parlamentare o il magistrato in un altro paese non divenga parlamentare italiano, ma rileva il rischio di escludere tanti buoni italiani che sono stati magari sindaci di piccole municipalità a forte presenza italiana e il cui apporto sarebbe solo un valore…

“Avvelenare ancora di più il terreno del voto all’estero dando una ulteriore pregiudiziale per chi, legittimamente vorrebbe candidarsi, e al contempo non fare un passo nella direzione di procedure più snelle e certificate, – conclude Menia – è il sigillo alla condotta usata dal Pd. Non che ci aspettassimo un piglio diverso, ma comunque spia di una delegittimazione continua e ingiusta nei confronti di quanti il Ministro Tremaglia ha voluto qualificare”. (Inform)

Powered by WordPress | Designed by Elegant Themes