direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

L’Unaie celebrerà il 2 luglio a Treviso il suo 50° anniversario di fondazione

ASSOCIAZIONI

Il presidente Franco Narducci: “una scelta dovuta considerando l’enorme contributo che il Triveneto ha dato al mondo dell’emigrazione in oltre un secolo e mezzo di storia, sia in termini numerici che di protagonismo”

 

TREVISO – L’Unione Nazionale Associazioni Immigrati ed Emigrati (Unaie) festeggerà sabato 2 luglio a Treviso i suoi 50 anni di attività, “una scelta dovuta – ha sottolineato il presidente Franco Narducci – considerando l’enorme contributo che il Triveneto ha dato al mondo dell’emigrazione in oltre un secolo e mezzo di storia, sia in termini numerici che di protagonismo”.

L’Unaie – si legge nella nota diffusa dall’associazione in proposito – fu fondata il 29 dicembre 1966 a Roma, in Via Veneto 169, nello studio notarile di Francesco Cavallaro, per iniziativa di moltissime associazioni operanti a livello regionale e provinciale, ma anche di un numeroso gruppo di politici provenienti dall’intero territorio nazionale, tra i quali giova ricordare Piersanti Mattarella, fratello dell’attuale presidente della Repubblica Italiana e a quel tempo deputato all’Assemblea regionale siciliana nel collegio di Palermo. Nei suoi 50 anni – ricorda ancora la nota – è stata presieduta e guidata da numerosi protagonisti della politica italiana che hanno vissuto i tempi della ricostruzione economica e morale dell’Italia, dopo lo sfacelo della seconda guerra mondiale. Basti ricordare Mario Toros, parlamentare in sette legislature ma anche più volte sottosegretario e ministro, nonché per molti anni presidente dell’Ente Friuli nel Mondo; Dino De Poli, presidente della Fondazione Cassa Marca di Treviso, conosciuto in ogni parte del mondo come fondatore di Umanesimo Latino; Ferruccio Pisoni, parlamentare, sottosegretario ed europarlamentare, per vari anni presidente della Trentini nel Mondo. Ed ancora: Aldo Degaudenz e Domenico “Mimmo” Azzia, il vulcanico presidente di Sicilia Mondo che durante il suo periodo di presidenza dell’Unaie si è speso tantissimo per allargare i confini dell’associazionismo. In questi 50 anni l’azione dell’Unaie ha spesso intercettato fatti, eventi e accadimenti della vita nazionale e internazionale che sono oramai nel novero della storia del popolo italiano. L’evento si aprirà con i saluti introduttivi delle autorità e con l’intervento del presidente Narducci, cui seguirà quello di Ferruccio Pisoni, che ricorderà per sommi capi tali fatti ed eventi. La celebrazione intende evidenziare come l’Unaie sia ancora forza viva del mondo dell’emigrazione e una rete di solidarietà mondiale in cui anche i nuovi migranti trovano sostegno e ospitalità. In tal senso il programma prevede una tavola rotonda animata dal vice presidente Aldo Aledda, cui interverranno Giorgio Tonini, presidente della Commissione Bilancio del Senato, Ulderico Bernardi, professore ordinario di sociologia alla Ca’ Foscari di Venezia e vice presidente della Trevisani nel Mondo, e don Bruno Baratto, direttore diocesano della Migrantes di Treviso. Saranno analizzati in particolare due aspetti fondamentali dell’emigrazione italiana in Europa: lavoro, mobilità professionale ed emigrazione nell’Europa della libera circolazione delle persone, così come l’impatto sul mondo del lavoro delle immigrazioni in Europa.

Il 50mo di fondazione si concluderà con una breve cerimonia di onorificenza agli ex presidenti Unaie. (Inform)

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail
Powered by WordPress | Designed by Elegant Themes