direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Lo Spazialismo e la sua eredità – con Opera Gallery London

APPUNTAMENTI

All’Ambasciata d’Italia a Londra un evento dedicato ad uno dei più importanti movimenti artistici italiani del Novecento

LONDRA – L’Ambasciata d’Italia nel Regno Unito ha ospitato “Spaziale!”, un evento dedicato allo Spazialismo e alla sua eredità organizzato in collaborazione con l’Opera Gallery London. Nel corso dell’incontro sono stati esposti nove quadri di alcuni dei protagonisti di uno dei più importanti movimenti artistici italiani del Novecento – Lucio Fontana, Agostino Bonalumi, Enrico Castellani, Turi Simeti e Pino Manos, ospite d’onore della serata.

L’ambasciatore d’Italia Raffaele Trombetta, nell’introdurre i relatori e l’amministratore delegato di Opera Gallery, Gilles Dyan, ha ricordato che l’Ambasciata dedica molti dei suoi eventi alla promozione culturale ed artistica, prestando particolare attenzione al connubio fra arte ed economia, al fine di valorizzare l’impatto economico e di immagine del settore.

L’Ambasciatore ha inoltre rimarcato che lo Spazialismo è stato un movimento fondamentale nella storia dell’arte italiana del secondo dopoguerra, grazie ad una concezione innovatrice della pittura che si rifà ad una tridimensionalità e visione nuova dello spazio nell’arte.

L’approccio rivoluzionario dello spazialismo e il crescente successo che quel movimento ha riscontrato all’estero negli ultimi decenni, in particolare nel Regno Unito, è stato il principale oggetto di conversazione del panel al quale hanno partecipato Giovanni Gasparini, direttore del Programma MSc Art, Law and Business presso Christie’s Education London, e la curatrice e critica d’arte, Giovanna Nicoletti, moderati da Federica Beretta, direttrice di Opera Gallery London. Mentre Nicoletti ha illustrato il percorso storico che ha portato Lucio Fontana a sviluppare il nuovo “linguaggio” dello spazialismo, Gasparini si è concentrato sulle dinamiche del mercato dell’arte e sul perché le opere spazialiste sono molto richieste da collezionisti internazionali. La sessione si è conclusa con domande e interventi del pubblico.

L’evento si è svolto in concomitanza con l’apertura della mostra “Spaziale!”, in corso fino al 31 maggio all’Opera Gallery, dedicata ad alcuni dei principali artisti dello Spazialismo, tra cui Lucio Fontana, Turi Simeti, Agostino Bonalumi ed Enrico Castellani. (Inform)

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail
Powered by WordPress | Designed by Elegant Themes