direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

L’intervento conclusivo del Segretario Generale Michele Schiavone

CGIE

A Palermo il Seminario sui Giovani Italiani nel Mondo

E’  nella forza dei giovani che dobbiamo investire per cambiare. Tenete alta la bandiera della gioventù italiana nel mondo

PALERMO – Con il suo intervento il Segretario Generale del Cgie Michele Schiavone ha concluso il seminario di Palermo sui  giovani italiani nel mondo. Schiavone ha ringraziato per la presenza il senatore Raffaele Fantetti, il deputato Massimo Ungaro e il Sindaco di Palermo, Leoluca Orlando, nonché il presidenre della Regione Sicilia, Nello Musumeci e gli Assessori Bertolino e Lagalla. Schiavone , ricordando l’esperienza della giovane Greta, ha poi posto la questione ambientale che è diventata centrale nel dibattito dei giovani, quale paradigma per dimostrare come il cambiamento sia possibile. “Il nostro seminario si colloca all’interno di una volontà di cambiamento. In questi giorni abbiamo gettato le basi per un nuovo umanesimo, come ha detto il sindaco Orlando, per le nostre comunità di italo-discendenti e di italici nel mondo: abbiamo espresso valori universali verso i quali ci impegniamo. L’obbligo è quello di trasmettere alle nuove generazioni questi valori”, ha affermato Schiavone. “Il Cgie – ha aggiunto il Segretario Generale – chiama tutti voi alla conquista dei diritti alla base della convivenza civile in un mondo sempre più globale. Serve la forza e il coraggio della gioventù per il cambiamento: ricordo le primavere palermitane, che si sono susseguite, e prima ancora i vespri siciliani. Siate i paladini del senso più profondo della libertà. Il nostro compito arduo – ha continuato – è di mettere a sistema la rete che state costruendo , anche con i nuovi mezzi di comunicazione, facilitando gli scambi, la conoscenza, la formazione, il lavoro. Coi mezzi rudimentali a disposizione, il Cgie ha iniziato a offrire sportelli di assistenza per i nuovi arrivati, soprattutto presso i Comites e in diversi luoghi, lo facciamo in modo volontario”. Schiavone ha poi sottolineato la necessità di creare uno sportello telematico unico per i giovani italiani nel mondo al di gestire la rete creata nei giorni del seminario. “E’ solo nella forza dei giovani che possiamo investire per fare qualcosa, per cambiare. Tenete alta la bandiera della gioventù italiana nel mondo”, ha concluso Schiavone. (Simone Sperduto/Inform)

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail
Powered by WordPress | Designed by Elegant Themes