direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

L’appello della Confsal-Unsa al sottosegretario agli Esteri Ricardo Merlo

SINDACATI

Chiesta la modifica dell’art. 157 del DPR 18

ROMA – Il personale a contratto della Farnesina all’estero esprime al sottosegretario Ricardo Merlo “la propria preoccupazione – spiega il Coordinamento Esteri del sindacato Confsal-Unsa – riguardo al capitolo di spesa degli stipendi dei predetti dipendenti presso il Maeci, che viene colmato solo ed unicamente con i risparmi derivanti dal pensionamento degli impiegati a contratto italiano e conseguente assunzione di impiegati locali, i cui contratti sono nettamente peggiorativi. Lo scorso anno venne inserito per la prima volta nella storia di questa categoria e dietro ripetute sollecitazioni della Confsal Unsa, un emendamento ad hoc nella Legge di Bilancio 2018, finalizzato all’integrazione di 600.000 euro sul predetto capitolo. Ciò ha permesso, quest‘anno, di garantire aumenti stipendiali – anche se minimi in taluni casi – a ben 41 paesi nel mondo, escludendone tuttavia più del doppio rispetto a quelli presenti sulla Rete. Alcuni di questi Paesi attendono aumenti anche da vent’anni, come, ad esempio, Usa, Argentina, Brasile, Canada, per citarne solo alcuni tra quelli con maggior numero di dipendenti ”.

Il Coordinamento Esteri della Confsal-Unsa vede il problema maggiore degli aumenti stipendiali in una legge che ritiene “sbagliata”, in vigore ininterrottamente da 18 anni, e ne chiede la modifica.  Il segretario nazionale Confsal-Unsa Esteri, Iris Lauriola: “E’ improrogabile la modifica dell’art. 157 del DPR 18, il quale prevede attualmente che la rivalutazione delle retribuzioni sia “suscettibile” non al mercato del lavoro locale o all’aumento del costo della vita – ovvero a normali parametri applicati nel mondo del lavoro – bensì alle retribuzioni corrisposte nella stessa sede da rappresentanze diplomatiche di altri Paesi, in primo luogo quelle europee”.  Il sindacato si appella al sottosegretario Merlo “affinché recepisca il grave disagio del personale interessato e lo traduca in interventi mirati del Governo in ambito di Finanziaria 2019”. (Inform)

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail
Powered by WordPress | Designed by Elegant Themes