direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Lancio del ciclo culturale “La forma della bellezza” – 2000 anni di arte, cultura e industria del bello nel Golfo di Napoli

RETE DIPLOMATICA

Presentato dall’Ambasciatore d’Italia in Argentina Giuseppe Manzo al Teatro Coliseo

 

BUENOS AIRES – L’Ambasciatore d’Italia in Argentina , Giuseppe Manzo, ha presentato nei giorni scorsi, presso il Teatro Coliseo, “La forma della bellezza”, un nuovo ciclo culturale organizzato dall’Ambasciata d’Italia a Buenos Aires, in collaborazione con il Teatro Coliseo, l’Istituto Italiano di Cultura e l’Agenzia Nazionale per il Commercio Estero, sulle varie declinazioni della bellezza nel Golfo di Napoli lungo un percorso di oltre 2000 anni, che concluderà il 9 dicembre e si svolgerà presso diverse sedi prestigiose della città di Buenos Aires.

La “Forma della Bellezza” é un ciclo che ci invita a conoscere come nell’arte, nell’industria, nella danza e nella moda, i territori del Golfo di Napoli hanno declinato lungo un percorso di oltre 2000 anni di storia la forma della bellezza.

Un percorso che a Buenos Aires si sviluppa lungo sentieri che si incrociano esaltando diverse espressioni della bellezza: i sapori del Mediterraneo, le piccole opere d’arte elaborate dai Maestri artigiani, il movimento dei danzatori, le parole degli attori e come corollario di questo ciclo, l’arrivo della scultura classica Afrodite di Capua, dea della bellezza, proveniente dal Museo Archeologico Nazionale di Napoli. Una scultura marmorea romana ritrovata nel 1750 tra le rovine dell’Anfiteatro campano dell’antica Capua e che sarà esposta nel Museo Nacional de Bellas Artes di Buenos Aires, a partire dal 14 novembre. Ci saranno numerosi eventi in diversi scenari di Buenos Aires, dove si potrà prendere parte per scoprire la forma della bellezza nelle sue varie espressioni. (Inform)

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail
Powered by WordPress | Designed by Elegant Themes