direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

La soddisfazione del Coordinamento Enti Gestori in Svizzera per il sì della Commissione Bilancio del Senato all’emendamento 23.100 che dispone contributi aggiuntivi a favore degli italiani nel mondo

LEGGE DI STABILITA’

Auspicato un ulteriore incremento delle risorse nel prosieguo dell’iter parlamentare a favore dei corsi di lingua e cultura italiana

 

BASILEA – In una nota il coordinamento Enti gestori in Svizzera prende atto con soddisfazione dell’approvazione in Commissione Bilancio del Senato dell’emendamento 23.100 delle senatrici Chiavaroli e Zanoni che dispone contributi aggiuntivi a favore degli italiani nel mondo per un ammontare complessivo di 4,9 milioni di euro, di cui 3,3 milioni di euro per la promozione della lingua e cultura italiana all’estero e per il sostegno degli enti gestori di corsi di lingua e cultura italiana. Con tale emendamento si annulla di fatto il taglio inizialmente previsto nella Legge di stabilità e si consente agli enti gestori di pianificare con maggiore serenità l’anno 2016. Nel comunicato il coordinamento enti gestori richiama tuttavia l’attenzione del Governo, dell’amministrazione e delle forze parlamentari sul fatto che tale provvedimento non garantisce la continuità di tutti corsi nell’anno 2016. A seguito della soppressione di 29 cattedre di ruolo nella sola Svizzera, a settembre gli enti gestori hanno rilevato ben 250 corsi aggiuntivi che nel 2016 dovranno essere finanziati per l’intero anno.

Il coordinamento enti gestori in Svizzera ringrazia infine i senatori eletti all’estero Micheloni, Di Biagio, Turano, Giacobbe e Longo per la determinazione con la quale hanno seguito gli interventi per gli italiani nel mondo. Il coordinamento auspica che nel prosieguo dell’iter parlamentare si possano ulteriormente incrementare le risorse e favore dei corsi di lingua e cultura italiana e adeguarlo al numero maggiorato di corsi gestiti dagli enti, applicando il principio della spending review: razionalizzazione della spesa con invarianza del servizio. (Inform)

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail
Powered by WordPress | Designed by Elegant Themes