direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

La Corte suprema indiana accoglie il ricorso di Latorre e Girone contro l’utilizzo per le indagini della polizia antiterrorismo

MARO’ IN INDIA

De Mistura “Continuiamo a puntare sulla internazionalizzazione del caso”

NEW DELHI – La Corte suprema indiana ha accolto il ricorso dei legali dei due marò italiani trattenuti in India contro l’utilizzo per le indagini sul caso della polizia Nia antiterrorismo. La Corte ha inoltre sospeso il processo a loro carico presso il tribunale speciale. La prossima udienza è stata programmata fra quattro settimane.

Quella di oggi, dopo il superamento del primo scoglio, ovvero del rischio che venisse applicata al caso la legge anti-terrorismo che prevede anche la pena di morte (Sua Act), rappresenta indubbiamente una seconda importante vittoria per il nostro paese. La decisione della Corte suprema, che accoglie l’istanza, presentata da Massimiliano Latorre e Salvatore Girone, giunge a poche ore dal colloquio sulla vicenda svoltosi ieri fra il presidente del Consiglio Matteo Renzi e il presidente americano Barack Obama. Uno scambio di opinioni, volto all’ internazionalizzazione del caso, che il premier ha reso noto durante l’incontro con i giornalisti “ Ho ringraziato il governo degli Usa – ha precisato Renzi – per il supporto dato in questa fase di discussione internazionale e ho chiesto al presidente Obama di poter contare su un ulteriore appoggio”.

L’inviato speciale del governo Staffan De Mistura , commentando l’accoglimento del ricorso a Sky TG24 mattina, ha sottolineato la necessità di acquisire ulteriori dettagli sulla decisione della Corte e ha confermato come l’Italia “continui a puntare sulla internazionalizzazione del caso e ad evitare il processo”.(Inform)

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail
Powered by WordPress | Designed by Elegant Themes