direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

“Italy4Innovation e Digital Unbound London”, partecipazione del Sottosegretario Stefano Buffagni

RETE DIPLOMATICA

All’Ambasciata d’Italia a Londra

LONDRA – L’Ambasciata d’Italia a Londra ha ospitato il nono appuntamento della serie Italy4Innovation, rassegna nata per promuovere l’Italia dell’innovazione e favorire le collaborazioni italo-britanniche in tema di nuove tecnologie. L’evento “Italy and the UK: synergies and opportunities between the two start-up ecosystems” è stato organizzato in collaborazione con ICE-Agenzia in occasione della partecipazione alla rassegna “Digital Unbound London”, una delle maggiori manifestazioni internazionali dedicate a innovazione, digitale ed economia della conoscenza. La partecipazione italiana a tale iniziativa nasce inoltre dall’impegno di Ministero dello Sviluppo Economico e della stessa ICE-Agenzia nel quadro del Global Startup Programme: iniziativa indirizzata a startup e PMI innovative italiane non ancora presenti sui mercati internazionali e impegnate nello sviluppo di nuove soluzioni ad alto contenuto tecnologico.

Nel proprio intervento introduttivo, l’Ambasciatore d’Italia a Londra Raffaele Trombetta ha ribadito l’impegno dell’Ambasciata nel promuovere forme di collaborazione organiche ed evolute creando una piattaforma per regolari incontri tra operatori, policy maker e regolatori, tanto più preziosa alla luce della incombente perdita della comune appartenenza all’UE. Il Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio per gli Affari Regionali e le Autonomie, Stefano Buffagni, ha sottolineato i progressi italiani in tale settore, ricordando l’impegno legislativo che, con lo “Startup Act” del 2012 e negli anni successivo il pacchetto “Industria 4.0”, ha agevolato l’espansione del settore. Anche l’attuale Governo sta rafforzando tali misure e introducendone alcune nuove, come le agevolazioni e i fondi per lo sviluppo del Venture Capital, cosi come le misure per l’attrazione di talenti. Questo articolato quadro normativo mira ad allineare progressivamente l’architettura regolamentare italiana a quella delle più significative piazze internazionali dell’innovazione, facendo leva sulle eccellenze italiane in tema di manifattura avanzata e alte tecnologie.

Nel corso della serata sono intervenuti: Andrew Elwick, capo della divisione Technology and Creative Industries del Dipartimento per il Commercio Internazionale (DIT) britannico, Charlotte Walsh, co-fondatrice di Digital Detox e Fabrizio Perrone, amministratore delegato e fondatore di Buzzoole, i quali si sono confrontati in una vivace discussione moderata da Paola Cuneo di London Stock Exchange Group. La presenza di due realtà, una britannica e una italiana, nel panel ha offerto la possibilità di confrontare i rispettivi ecosistemi del panorama start-up, mettendo al centro della discussione le rispettive architetture normative, i modelli di sviluppo, le forme di sostegno e gli incentivi esistenti, le più avanzate tipologie di best practices. (Inform)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform/a> | Designed by ComunicazioneInform