direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Italia e Sudafrica: più forza alle relazioni bilaterali per la scienza, la tecnologia e l’innovazione

COOPERAZIONE SCIENTIFICA

Lettera di Intenti firmata a Pretoria dal vice ministro del Ministero Istruzione Università e Ricerca Lorenzo Fioramonti e dalla ministra della Scienza e Tecnologia sudafricana Mmamoloko Kubayi-Ngubane

 

A Pretoria, il 29 marzo, il vice ministro del Miur Lorenzo Fioramonti e la ministra della Scienza e Tecnologia sudafricana Mmamoloko Kubayi-Ngubane hanno sottoscritto una Lettera di Intenti con la quale i due Ministeri si impegnano, nell’ambito delle proprie competenze e nel quadro dell’Accordo bilaterale di Cooperazione Scientifica e Tecnologica sottoscritto nel 1998 tra Italia e Sudafrica, a definire rapidamente un piano di azione volto al rafforzamento delle relazioni bilaterali nel settore scienza-tecnologia-innovazione. L’obiettivo è quello di sostenere la crescita economica e sociale di entrambi i Paesi tramite collaborazioni strategiche nel settore scienza-tecnologia-innovazione.

Tra i settori prioritari in cui avviare nuove partnership si identificano l’Automotive, l’Aerospazio, lo Spazio, le Tecnologie Laser, la Manifattura Additiva, la Radio-astronomia, le Biotecnologie e la Bio-economia. Questi sono alcuni dei settori di interesse comune che, tuttavia, non escludono partnership in altre aree strategiche. La Lettera di Intenti sostiene anche lo scambio di esperienze ed informazioni in merito alla definizione di misure comuni a supporto delle strategie e delle politiche da adottare per la gestione delle tecnologie innovative legate alla Quarta Rivoluzione Industriale e per i meccanismi innovativi di finanziamento pubblico della ricerca.

La firma e’ avvenuta nel contesto dell’inaugurazione del Campus Future Africa dell’Università di Pretoria, un centro innovativo nel quale si faranno convergere le competenze umanistiche e scientifiche del continente africano per affrontare, tramite un approccio interdisciplinare, studi sull’innovazione e sullo sviluppo sostenibile, in linea con l’Agenda 2030 delle Nazioni Unite.(Inform)

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail
Powered by WordPress | Designed by Elegant Themes