direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

In mostra a Palermo i tesori del Fondo edifici di culto

MINISTERO DELL’INTERNO

Organizzata in collaborazione con Prefettura, Regione e Comune, celebra la Città della Cultura 2018. A palazzo Abatellis fino a gennaio

PALERMO – Per Palermo, Città della cultura 2018, il Fondo edifici di culto (Fec) del ministero dell’Interno mette a disposizione alcuni dei suoi tesori d’arte, esposti da ieri e fino al 6 gennaio nella Galleria regionale di Palazzo Abatellis nell’ambito della mostra “Eredità d’arte”, inaugurata ieri pomeriggio in presenza del direttore centrale per l’amministrazione del Fec Angelo Carbone, del prefetto di Palermo Antonella De Miro, dell’assessore regionale ai Beni culturali e all’Identità siciliana Sebastiano Tusa e dell’assessore comunale per le Attività e i beni culturali Andrea Cusumano.

Nove le opere del Fondo, alcune mai esposte prima, custodite nel Palazzo, anch’esso di proprietà del Fec: dipinti, sculture e manufatti orafi provenienti da alcune delle più importanti e belle chiese di Palermo, come la  Martorana, Casa Professa, S. Domenico, S. Salvatore e S. Ignazio all’Olivella.

Nove opere, illustrate ieri dalla direttrice di Palazzo Abatellis Evelina De Castro, che raccontano il mondo dei conventi e della devozione popolare. Tra queste spiccano diverse raffigurazioni della Madonna come Vergine Avvocata, o in adorazione del Bambino, un’icona del Verricella, rappresentazioni del Cristo – che ascende in cielo e benedicente – un paliotto della Trasfigurazione in argento, realizzato a sbalzo e a cesello.

Un patrimonio culturale, ha spiegato il prefetto Carbone, che il Fec offre al territorio in un’ottica sempre più ampia orientata alla valorizzazione delle opere, oltre che alla tutela.

La mostra, frutto della collaborazione tra Stato – ministero e prefettura – e gli enti del territorio, la regione e comune, è anche una “buona pratica” di cooperazione tra amministrazioni pubbliche, ha sottolineato il prefetto De Miro, in linea con la vocazione “unificante, mai divisiva”, dell’arte. (Inform)

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail
Powered by WordPress | Designed by Elegant Themes